Live – Non è la D’Urso, le accuse a Pamela Prati: le nozze con Caltagirone sono una trovata pubblicitaria

Live – Non è la D’Urso, le accuse a Pamela Prati: le nozze con Caltagirone sono una trovata pubblicitaria

A Live-Non è la D’Urso, Pamela Prati difende il suo imminente matrimonio con Mark Caltagirone e risponde alle accuse di chi crede sia tutta una trovata pubblicitaria.


Pamela Prati è al centro del gossip per il suo imminente matrimonio con l’imprenditore Mark Caltagirone. In molti hanno insinuato che le nozze siano solo una trovata pubblicitaria e che l’uomo non esista. La Prati, ospite a Live- Non è la D’Urso, risponde alle pesanti accuse.

Live – Non è la D’Urso, Pamela Prati: “Abbiamo fatto la promessa di matrimonio all’estero”

Pamela ha più volte parlato del suo amore per l’imprenditore Mark Caltagirone il quale, a sua detta, le ha completamente stravolto la vita. L’amore appassionato e folle avrebbe portato la showgirl ad accettare di convolare presto a nozze.

Tuttavia, ‘Dagospia’ ha lanciato uno scoop, dichiarando che la Prati ha inventato tutto e che sta fingendo per farsi pubblicità, in vista del lancio della sua nuova agenzia ‘Aicos Management Marketing & Sponsor’insieme alle socie Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo.

Ieri, a Live – Non è la D’Urso, Pamela si è mostrata in un collegamento esclusivo per mettere a tacere tutte le voci sul suo compagno e sul matrimonio. La showgirl risponde a chi crede che Caltagirone non esista, dal momento che non si trova nemmeno una sua foto sul web: ““Io le foto le ho. Questa è una cosa bruttissima, se una persona non vuole comparire, perché deve comparire? Dove sta scritto?”.

Nell’ospitata a Domenica In, la Prati aveva rivelato di essere già sposata ma ieri ritratta e afferma: ““Noi non siamo sposati. Noi abbiamo fatto la promessa di matrimonio. Non risulta? L’abbiamo fatta all’estero. Adesso arriverà la data in cui ci sposeremo davanti a Dio. Chi mi conosce bene sa che sono sempre stata claustrofobica. Dopo 30 anni, invece, mi sposto per tutelare la mia famiglia, i miei figli e me stessa”.

A questo punto Barbara D’Urso interviene, leggendo una lettera che le ha inviato un certo Marco Caltagirone che sembra confermare la versione di Pamela: “Gentilissima Barbara e gentilissimo pubblico, sono amareggiato da questa vicenda, a Pamela Prati non serviva di certo Marco per tornare a sedersi nella scatoletta magica. Come sempre io non voglio comparire in teatrini montati ad arte da qualche sito web per attaccare inutilmente le persone. Con tutto il rispetto, non penso che alla gente interessi con chi mi scambiavo sms o battute su Facebook prima di stare con Pamela. Poteva essere una donna della politica come una cittadina comune, ma ringraziando Dio non mi è mai servito alcun favore da nessuno. Tutelerò sempre la mia privacy perché credo che apparire o meno sia una scelta personale. Un’ultima cosa, non sono i certificati a dire se un bambino può chiamarmi papà o meno. I figli sono di chi li ama e li cresce. I miei figli sono all’estero da sempre, tutelati soprattutto da una cattiveria gratuita che esiste sempre più. Se volete farci gli auguri sappiate che siamo una bella famiglia e questa spero sia l’ultima volta che lo si mette in dubbio. In caso contrario, rimarrete con le vostre convinzioni perché né io né Pamela, credo, avremo più voglia di rispondere a nulla”.

Anche le sue manager intervengono e affermano che lo sposo esiste e che non inventerebbero mai una storia simile, dal momento che di mezzo ci sono anche dei bambini. Tuttavia, le indagini sull’impresa di Caltagirone avrebbero portato a dei risultati sorprendenti: l’agenzia non è registrata nell’archivio italiano e, dunque, non esiste. Inoltre, i Caltagironi residenti a Roma hanno dichiarato di non sapere dell’esistenza di Mark. Per di più, lui avrebbe dovuto ricevere un prestigioso premio in Albania e Roberto Alessi infligge la stoccata finale: ““Ho tantissimi amici in Albania e non sanno chi sia”.

Mentre la Prati e le sue manager continuano ad affermare che il matrimonio si farà e che Mark esiste, molti indizi sembrano portare alla conclusione opposta. Solo la prova dell’avvenuto matrimonio potrà mettere un punto sulla misteriosa questione.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto