Lindsay Lohan: il confinamento in galera è un’esperienza zen

Lindsay Lohan: il confinamento in galera è un’esperienza zen

L’attrice Hollywoodiana, in una recente intervista, ha affermato che l’isolamento avrebbe portato finalmente un po’ di pace e silenzio nella sua vita


Lindsay Lohan è stata recentemente ospite ad un programma britannico intitolato The Jonathan Ross Show, e, durante la sua intervista, ha chiacchierato con il presentatore della sua ultima esperienza in carcere. La rossa attrice non è nuova alla permanenza dietro le sbarre: ha infatti già servito parecchie ore in galera.

I misfatti sono molti, per lo più legati ad abuso di droga, ma stavolta a quanto pare l’esperienza sarebbe stata diversa e più significativa: a fare la differenza sarebbero state le ore di isolamento in cui la Lohan è stata posta per questioni di sicurezza. I giorni di reclusione sarebbero dovuti essere 90 ma la ragazza è stata rilasciata in anticipo per affollamento.

La sua presenza nel carcere insieme alle altre detenute, però, avrebbe rappresentato un pericolo per la sua sicurezza fisica per cui alla ragazza è stata assegnata una cella singola: ovviamente la solitudine, ha dichiarato l’attrice, non è stata una bella sensazione da provare e le avrebbe messo anche molta paura.

Nonostante questo, però, Lindsay sarebbe riuscita a trovare un aspetto positivo: l’isolamento e il tempo passato completamente da sola le avrebbero permesso di avere nella sua vita finalmente un po’ di silenzio, un po’ di libertà dal dover dar conto agli altri: “finalmente ho sentito che non dovevo rispondere a nessuno e che non dovevo fare niente per nessuno se non per me stessa”. (m.r.)





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto