L’affettuoso ricordo di chi ha lavorato con Ottavio, per Ottavio

L’affettuoso ricordo di chi ha lavorato con Ottavio, per Ottavio

Missoni è un’azienda dotata di un’anima: quella delle donne che ogni giorno lavorano con devozione e che
ricordano il loro capo con affetto e stima


Titolari così non ti capitano due volte nella vita” afferma Lina con riconoscenza. Il suo capo, Ottavio Missoni, andava spesso in azienda, nonostante l’età. Aveva il suo ufficio sotto la confezione e insieme alla moglie Rosita creava patchwork e accostava i colori. Girava voce che fosse daltonico e che le creazioni migliori gli venissero per caso, ma il Tai, così lo chiamavano, era un ottimista e il suo entusiasmo lo ha accompagnato nei maggiori successi.

Poi è arrivata la tragedia, lo scorso Gennaio. La scomparsa misteriosa del figlio Vittorio ha cambiato la sua vita. Non è più stato bene da allora, non è stato più in grado di partecipare ai Campionati Mondiali nel settore master. Corridore olimpionico quando era giovane, è rimasto legato al mondo dello sport partecipando in età avanzata alle gare atletiche per la sua categoria.

Che fosse peggiorato, si sapeva da una settimana, ma questo è il normale decorso della vita, era un uomo anziano, aveva più di 90 anni. Invece non è normale quello che è successo a Vittorio” per le impiegate che ci stanno parlando, il figlio del Tai era uno dei dirigenti.

Stamattina stavo per arrivare in ufficio, poi ho visto le transenne e ho capito” Paola non lavorava a stretto contatto con lo stilista, ma lo ricorda come una brava persona.

Ora il lutto è sui volti di tutte le donne che per decine di anni hanno lavorato in un’azienda costruita da una persona semplice, da un animo gentile, lontano dagli snobismi della moda.

Saranno tutte presenti al funerale che si terrà lunedì alle 14.30 nella Basilica di Santa Maria Assunta a Gallarate, in provincia di Varese.

Sarte, operaie, modelliste e collaboratrici unite da un’ammirazione sincera nei confronti dell’instancabile datore di lavoro, del superiore presente e attento, quello che negli ultimi anni passava nella fabbrichetta di Sumirago e diceva “vengo quando ho voglia” e poi non venne più. (v.p.)

 

Missoni





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto