Justin Bieber non chiede scusa, ecco le sue dichiarazioni

Justin Bieber non chiede scusa, ecco le sue dichiarazioni

La sua intervista all’Hollywood Reporter che ha fatto tanto discutere.


Eccoci nuovamente a parlare di Justin Bieber e del polverone mediatico sollevato dalla sua intervista sul noto tabloid americano. C’è poco da fare, quando si parla di Justin Bieber non ci sono e non possono esserci mezze misure, perché l’artista non ha alcuna intenzione di averne.

Rimanda le accuse al mittente, anzi, ai mittenti: a tutti coloro che lo accusa per il caos che combina puntualmente, per quelle che ormai non  si possono più definire bravate ma soltanto atti vandalici lui, non tace su coloro che sfruttano il suo forte ascendente mediatico e non tace di fronte alle battute:

Ogni volta che qualche sito scrive qualcosa di brutto su di me, tutti i miei fan ci vanno, aumentando il traffico. I Beliebers sui loro siti gli porta soldi dalle pubblicità. Si preoccupano solo dei soldi. Non gli importa di rovinare il nome di qualcuno”.

 

Justin Bieber Hollywood Reporter

 

Guai a chiamarlo ragazzino, Justin Bieber è un giovane uomo che conosce alla perfezione se stesso e quali sono i suoi limiti. Forse però, Justin Bieber non conosce quelli degli altri e si limita a dire:

So chi sono, cosa sto facendo della mia vita, cosa ho portato a termine e cosa voglio portare a termine come performer, scrittore, artista, persona ed essere umano. Sono contento dell’uomo che sto diventando”.

Resta al suoi fianco sempre sorridente e spavaldo il suo agente Scooter Braun, che dagli albori non ha mai lasciato il cantante da solo. L’uomo crede in Justin Bieber, nel suo potere comunicativo e in tutte le sue qualità e non sente il dovere o il bisogno di attaccarlo, anzi:

Dite quello che vi pare su di lui. Justin non sta impazzando e non finirà in rehab. Non finirà in una stastistica. 9 mesi dicevano che era completamente matto: da allora non ha saltato neanche un concerto“.

Insomma, le parole di Bieber hanno fatto storcere il naso a tutti i detrattori, ma hanno fatto crescere il consenso delle sue belieber che pendono dalle sue labbra e hanno la memoria corta, troppo corta. (b.p.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto