Harry Styles vince la causa contro i paparazzi, ma con i fan sarà lo stesso

Harry Styles vince la causa contro i paparazzi, ma con i fan sarà lo stesso

Il leader degli One Direction difende la sua privacy, ecco la sentenza.


Non deve essere facile chiamarsi Harry Styles, non deve essere semplice inseguire il sogno di diventare cantante e trovarsi membro della boyband più influente degli ultimi anni, sperimentare con un provino la carriera solista e finire in un gruppo che sta macinando milioni di copie e concerti in tutto il mondo.

Ad aggiungersi a tanto clamore, ci sono anche i fan: ragazze che stravedono e che spiano tutti i movimenti degli One Direction e in special modo di Harry Sytles, il preferito tra i cinque. Lui è bello, simpatico e mai sgarbato, da perfetto english gentleman quale è, purtroppo però la sua vita è continuamente sotto i riflettori dei paparazzi e dei fotografi e i suoi stessi colleghi si stupiscono della sua calma:

“Odierei essere come Harry perché penso che non riuscirei mai a reggere quel tipo costanti di attenzioni sulla mia vita privata”. (Liam Payne)

“Credo che solo lui riesca a trovare facile e non stressante questo tipo di situazione”. (Niall Horan)

“Non è un’ingiunzione che riguarda la privacy. Il signor Styles non sta cercando di evitare che i suoi fan si avvicinino a lui per la strada e che scattino foto. Lo ha sempre fatto ed è felice di continuare a firmare autografi”.

Harry Styles è seguito ovunque, a tratti pedinato: tutti i suoi spostamenti sono controllati a vista: che si trovi a Londra, o a New York, in casa sua o in un albergo in compagnia di qualche ragazza, il mondo intero lo sa e ogni cosa viene documentata. Proprio per questo motivo, il cantante ha deciso di rivolgersi a un avvocato per tutelare la sua privacy e a quanto pare i risultati sono stati fruttuosi.

Un giudice dell’Alta Corte Inglese ha fatto sapere che i paparazzi devono tenersi alla larga dal cantante: nessun pedinamento in moto o in macchina e una distanza di almeno 50 metri da casa sua. Insomma, una piccola grande sconfitta, ma con un appunto sacrosanto fatto dal legale del cantante, David Sherborne:

“Non è un’ingiunzione che riguarda la privacy. Il signor Styles non sta cercando di evitare che i suoi fan si avvicinino a lui per la strada e che scattino foto. Lo ha sempre fatto ed è felice di continuare a firmare autografi”.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto