Guendalina Tavassi, rivelazione shock sull’ex Umberto: “Aggredita nuovamente!”

Guendalina Tavassi, rivelazione shock sull’ex Umberto: “Aggredita nuovamente!”

Dall’avvocato per ultimare le pratiche del divorzio, la situazione degenera e prende vita un furioso scontro tra la Tavassi e D’Aponte, sfociato in una vera e propria guerra social a suon di Ig Stories. Ecco tutta la storia!


E’ guerra tra Guendalina Tavassi e Umberto D’Aponte. La coppia, convolata a nozze nel 2013 e dal cui matrimonio sono nati Chloe e Salvatore, stanno ora divorziando. Purtroppo però, la rottura non sta avvenendo affatto in maniera pacifica e nelle ultime ore è scoppiata una vera e proprio guerra social tra l’influencer e l’ex. Ecco cosa è successo:

Tra Guendalina Tavassi e Umberto D’Aponte è guerra social

Sembra che durante un incontro per discutere i dettagli del divorzio, avvenuto nella giornata di ieri martedì 9 novembre 2021, tra Guendalina e Umberto le cose sono totalmente degenerate. La prima a parlare è stata l’ex-gieffina, che attraverso Instagram racconta in lacrime ai suoi follower:

Vi avverto dal telefono del mio avvocato perché purtroppo il mio essendo stata aggredita nuovamente dalla stessa persona (Umberto, N.d.r), all’interno dello studio tra l’altro, è questo (fa vedere lo smartphone in frantumi, N.d.r.) Non so come adesso avvertire nessuno e a breve troverò il modo di tornare“.

Davanti a quanto detto dalla Tavassi, D’Aponte non riesce a rimanere in silenzio e replica anche lui attraverso il suo account Instagram:

Quello che è successo io l’avrei fatto restare nelle quattro mura di casa, come si suol dire. Ma siccome dall’altra parte trovano sempre qualcosa per far crescere follower, per diffamare e spalare me**a su una persona, uno non può stare sempre inerme e zitto e deve reagire […] Io non ho aggredito assolutamente nessuno. Non c’è stata nessuna aggressione, non ho messo le mani addosso a nessuno. Vi racconto quello che è successo stamattina nello studio di questo pseudo-avvocato: sono stato chiamato per definire la situazione bambini, divorzio e queste cose qui. Parlavamo di cose private e intime, situazioni che solo io e lei conoscevamo. Mentre parlavamo mi attaccava sul fatto che i bambini non vogliono stare mai con me, che io non li prendo mai. Il suo avvocato non reagiva e vedevo delle stranezze. Ho pensato che qualcosa non andava, aveva il suo telefono sulla scrivania, l’ho guardato e sapete cosa stava facendo? Un’infamata mondiale. Stava registrando tutto. Ho preso e ho spaccato il telefono, è stata una reazione istintiva. Vi posso giurare che non l’ho picchiata, ho semplicemente spaccato il telefono. Tra l’altro me l’ha spaccato anche lei a me prendendolo dalle mani“.

Divorzio Tavassi-D’Aponte: lo scontro social

Nel corso della serata Guendalina Tavassi riesce ad accedere al suo account Instagram, scoprendo così quanto dichiarato da D’Aponte e spiegando:

Ragazzi ho recuperato il mio account. Purtroppo viviamo in un mondo perverso in cui le vittime diventano carnefici. Sono stata in silenzio per troppo tempo ed è stato questo il mio unico errore, solo per salvaguardare i miei figli. Non volevo mettere nulla in piazza e nonostante tutti mi chiedessero, anche dal penultimo episodio, non ho mai potuto raccontare la verità, perché vi assicuro che la paura è più forte della Verità! Ma adesso basta!!! A breve vi racconterò tutto perché non posso sopportare di essere infamata, maltrattata, menata. Se devo essere distrutta da un mostro voglio che almeno tutti sappiate chi è veramente Umberto D’Aponte“.

L’ultima parola sembra però andare ad Umberto, che in una Ig Story conclusiva alla vicenda di ieri ha ribattuto:

Ho subito e sono rimasto in silenzio per anni. Un altro al posto mio sarebbe andato di matto, ma io per amore dei miei figli e della mia famiglia c’ho messo sempre la faccia. Anzi forse tra un po’ mi faranno santo per tutte le situazioni che mi sono capitate. Non vedo l’ora di iniziare questa guerra mediatica che sicuramente non ho voluto. Mi dispiace solo di Chloe e Sasy che avranno delle ripercussioni, ma spero che un giorno capiranno. Sono pronto signori





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto