Gf Vip, scontro tra Marco Bellavia e i vipponi: le scuse e le critiche

Gf Vip, scontro tra Marco Bellavia e i vipponi: le scuse e le critiche

Nella puntata di questa sera del Gf Vip, Marco Bellavia ha avuto un confronto con gli ex coinquilini: ecco cos’è successo.


Alfonso Signorini, dopo aver annunciato il ritorno di Marco Bellavia, l’ha accolto in studio con grande affetto e calore, cosa ricevuta anche dal pubblico. I due hanno chiacchierato un po’ a centro studio, ripercorrendo le diverse tappe che hanno caratterizzato il percorso dell’ex gieffino all’interno della Casa del Gf Vip. Il conduttore ha anche mostrato un filmato che racchiude i momenti salienti della sua permanenza. Poi ha permesso ai gieffini eliminati di avere un confronto e chiedere scusa a Marco Bellavia.

Ha iniziato Ginevra Lamborghini che ha voluto abbracciare l’ex gieffino e ha voluto chiedergli scusa per come si è comportata e per le cose che gli ha detto. Poi è toccato a Giovanni Ciacci che gli ha chiesto scusa per non averlo creduto e capito. Ha ammesso di aver peccato di superficialità, forse pensando un po’ di più alle dinamiche del gioco. Infine anche Gegia ha voluto un chiarimento con lui, concludendo il suo discorso in un abbraccio affettuoso.

In seguito, è arrivata in studio Pamela Prati con cui Marco Bellavia ha avuto un confronto molto dolce ed emozionante. I due si sono guardati e si sono emozionati entrambi. E la vippona ha anche ammesso che appena uscirà dalla Casa, gli darà un bel bacio. Vediamo invece ora cos’è successo con gli altri vipponi.

Gf Vip, scontro tra Marco Bellavia e i vipponi

Alfonso Signorini ha accompagnato Marco Bellavia nella Casa del Gf Vip per avere un confronto con gli ex coinquilini. Il primo ad entrare in giardino e mostrarsi ai vipponi è stato il conduttore che ha così annunciato che una persona avrebbe voluto vederli. E’ così entrato Marco Bellavia: dopo averli guardati tutti in faccia, ha iniziato il suo discorso.

Ha voluto rimarcare quello che gli hanno fatto passare, senza accorgersi che aveva bisogno di un aiuto e di un supporto. Insomma, una mano su cui contare. Con un discorso definito da Alfonso Signorini “severo ma giusto” ha voluto mettere i puntini sulle e ‘i’ e far capire quello che ha provato.