Gf Vip, George Ciupilan e il terribile retroscena del passato: “Mio padre beveva e io…”

Gf Vip, George Ciupilan e il terribile retroscena del passato: “Mio padre beveva e io…”

In una recente intervista a Chi, il terzo concorrente del Gf Vip ha raccontato la sua infanzia in Romania insieme al padre.


Solo un giorno fa Alfonso Signorini ha svelato il terzo indizio tramite il suo profilo Instagram ufficiale. Dopo aver lanciato i primi due riguardanti le prime due concorrenti che sono Chadia Rodriguez e Pamela Prati – confermate anche dal giornalista Gabriele Parpiglia durante l’intervento nel programma Facciamo finta che di Maurizio Costanzo e Carlotta Quadri in onda su R101 – ecco così quello sul terzo concorrente. Ma anche in questo caso il web non ha deluso le aspettative del conduttore. Nel giro di poco tempo i fan sono riusciti ad indovinare di chi si tratta.

L’indizio citava: “Terzo indizio. Catene al posto per il terzo concorrente del Gf Vip 7. Ma solo al polso…“. I fan hanno così collegato che le catene sono un gioiello indossato in qualche video dall’influencer e protagonista de Il Collegio e de La Caserma, George Ciupilan. Inoltre, è apparsa una strana coincidenza la sua recente intervista sull’ultimo numero di Chi, cosa che non ha fatto che confermare le loro supposizioni/deduzioni. E a proposito di questa recente intervista, ecco cosa ha raccontato il terzo concorrente del Gf Vip riguardo alla sua infanzia in Romania.

Gf Vip, George Ciupilan racconta del suo passato in Romania

Nel corso della recente intervista a Chi, George Ciupilan ha così raccontato riguardo alla sua infanzia:

Mamma Marilena è venuta in Italia a cercare lavoro e io sono rimasto con mio padre Gigi. Con lui sono stati anni orrendi, beveva, io sono cresciuto da solo. Ricordo che mangiavo sempre uova, da noi sono il cibo del popolo. Quando avevo otto anni mia madre con la scusa di una pizza… Era sbucata all’improvviso. Io sapevo che lei era in Italia, che aveva un nuovo compagno e che faceva la badante ad Arenzano. Non avevo altre notizie. Quella sera è riapparsa, come dicevo, e mi ha portato fuori. Mentre passeggiavamo mi ha chiesto una foto ricordo. In realtà le serviva la mia foto per il passaporto. Finito il giro siamo saliti su un van e ho capito che stavo andando con lei in Italia. Ero pazzo di gioia. Alla dogana ci hanno fermato perché mancava la firma di mio padre per il mio espatrio. Davanti alle preghiere di mia madre, però, ci hanno fatti passare.

Una volta arrivato in Italia, all’inizio non è stato semplice perché si è dovuto nascondere dal padre insieme alla madre. Poi la svolta è arrivata quando ha fatto il provino per Il Collegio. Da lì ha iniziato a farsi conoscere e soprattutto farsi conoscere per chi è realmente:

Una sera ho guardato Il Collegio e ho detto a mia madre: “Faccio il casting“. Lei, che in quel momento faceva piccoli lavoretti, mi ha risposto: “Vai, sono con te“. Mi hanno preso e finalmente sono riuscito a essere me stesso, a venir fuori, a parlare, e sono stato trattato da persona e non come “il rumeno” […] Mi sono sentito accettato. E ringrazio chi mi ha dato questa opportunità. Inoltre ho guadagnato anche dei soldini che ho portato a casa. Nel mentre, ho iniziato a postare i video che facevo da solo per cercare sicurezza, ed è stato un boom incredibile.