Facebook: il profilo diventa CV, l’attacco a LinkedIn

Facebook: il profilo diventa CV, l’attacco a LinkedIn

Intanto il social network si gode il boom di Instagram


Facebook continua un periodo di innovazioni, qualcuno direbbe di copia, molto prolifico e studia l’introduzione di una nuova funzione utile al job searching. Dopo l’aggiunta degli hashtag, sul modello di Twitter, ora il bersaglio è LinkedIn. Grande successo intanto per la piattaforma Instagram.

LinkedIn è un social network, molto diffuso negli USA, in crescente successo anche da noi in Italia, che permette la creazione di un profilo professionale per mettere in contatto gli utenti alle aziende in cerca di nuove figure professionali. Dopo aver inserito gli hashtag e i trending topics (notizie più trattate), tipici di Twitter, Facebook sarebbe pronta a inserire un’opzione per la creazione di un curriculum vitae virtuale sulle proprie pagine.

Grazie al nuovo Graph Search le aziende potrebbero cercare profili di interesse tra quelli che hanno inserito le proprie esperienze e capacità tra i dati del proprio profilo social. L’introduzione a fianco della finalità prettamente sociale di una dimensione professionale potrebbe essere un duro colpo al rivale,che dovrà studiare nuove contromosse.

Nel frattempo il social network blu può gongolare del folgorante successo di Instagram. La piattaforma di condivisione di foto, e da poco anche condivisione video, ha infatti toccato nei giorni scorsi la quota record di 150 milioni di utenti attivi ogni mese; tra questi vi sono moltissimi vip, che amano condividere le loro foto con i fans. Al momento dell’acquisizione da parte di Facebook gli utenti erano circa 22 milioni.

I cambiamenti in vista non dovrebbero essere finiti qui, dato che gli ingegneri al lavoro sul social network blu sono sempre al lavoro su più fronti, sia dal lato delle nuove funzionalità che della tutela della privacy. Tra le più suggestive per i fan del servizio troviamo l’introduzione, al momento ancora ipotetica del nuovo tasto “non mi piace”. In Facebook sanno di non potersi sedere sugli allori ed è quindi probabile che presto sentiremo parlare di altre novità, resta da vedere quale sarà lo spunto. (f.a.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto