Facebook: il bottone Want è l’ultima novità

Facebook: il bottone Want è l’ultima novità

L’ultima trovata di Mark Zuckerberg è Collections: una lista di desideri che vi condurrà in un negozio on line.


Un nuovo tasto “Want/Lo Voglio”, per la creazione di collezioni sotto forma di lista di desideri visiva: è questa l’ultima trovata di Facebook. Ormai giunto al miliardo di utenti, Mark Zuckerberg non si ferma e collabora con i grandi marchi come Victoria’s Secret, Neiman Marcus, Michael Kors, Smith Optics, Wayfair e Fab.com per regalare agli utenti qualcosa di nuovo.

E se il tasto Like/Mi Piace non vi fosse sembrato abbastanza, potrebbe presto fare la sua comparsa il nuovo pulsante Want/Lo Voglio. Il servizio, appena lanciato, è ancora in una fase di test ed è disponibile solo negli Stati Uniti, e per ora riguarda un selezionato gruppo di aziende. Uno dei portavoce di Facebook spiega cos’è il tasto Want:

“Abbiamo visto che alcune aziende spesso usano le pagine per condividere informazioni rispetto ai propri prodotti attraverso album fotografici. Oggi stiamo cominciando un piccolo test nel quale pochi selezionati brand potranno condividere informazioni sui loro prodotti attraverso un nuovo servizio chiamato Collections. Le persone potranno interagire con queste raccolte, condividere i prodotti a cui sono interessati con i propri amici e poi, magari, cliccare sulle immagini e comprare i prodotti al di fuori di Facebook”

Quindi “Lo Voglio” nascerebbe per essere integrato all’interno dei siti di e-commerce e avrebbe principalmente la funzione di poter creare della liste dei desideri, inserendo articoli disponibili per l’acquisto in una lista gestita via Facebook, così da poter condividere le proprie volontà di acquisto con gli amici. I Collection posts, però – almeno per il periodo iniziale – appaiono solo sulle homepage dei fan di un brand. Questo significa che se un marchio o un’azienda vogliono incrementare il numero di raccoglitori e di Liste dei desideri, devono aumentare  il loro bacino di fan. Come? Comprando Facebook ads specificamente disegnate con questo scopo.

Secondo quanto riportato da Wired, Collections potrebbe essere utile a Zuckerberg per mettere in difficoltà Pinterest:

“Se gli utenti possono raccogliere foto di prodotti e condividerle su Facebook dove già sono e dove già spendono una considerevole quantità di tempo, potrebbero sentire meno impellente la necessità di iscriversi a Pinterest”





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto