Che Dio Ci Aiuti 7, Elena Sofia Ricci spiega le motivazioni dell’addio

Che Dio Ci Aiuti 7, Elena Sofia Ricci spiega le motivazioni dell’addio

Non tutti i cambiamenti sono un fattore negativo. Lo spiega in una intervista al Messaggero la stessa Elena Sofia Ricci che saluterà i fan di Suor Angela con questa ultima stagione.


Il 2022 vede due protagonisti delle fiction lasciare il posto occupato e il successo raggiunto in molte stagioni. Dopo, Terence Hill che saluta Don Matteo lasciando il testimone a Raoul Bova, è la volta di Elena Sofia Ricci. Infatti la settima serie di Che Dio Ci Aiuti, vedrà un addio di Suor Angela al suo convitto universitario.


Leggi anche: Don Matteo 12: la Trama Ufficiale della Settima Puntata con Elena Sofia Ricci, stasera su Rai 1

Solo un paio di mesi fa la casa di produzione affermava:

Elena Sofia Ricci farà ancora parte della nostra grande famiglia e in particolar modo di Che Dio ci Aiuti 7. Elena sarà presente nella settima serie dal primo episodio sino all’ultimo. Avrà una sua linea drammaturgica forte che sarà il cuore della serie, lasciando però più spazio a nuovi personaggi.


Potrebbe interessarti: Can Yaman nel cast di Che Dio ci Aiuti 7? L’Indiscrezione!

A prendere il testimone sarà quasi sicuramente Francesca Chillemi, alias Azzurra Leonardi, che nelle ultime puntate della precedente serie, aveva mosso i suoi primi passi per diventare suora.

Elena Sofia Ricci dice addio a Suor Angela: “ho fatto un buon lavoro”

Nonostante le promesse di un addio in maniera delicata, mantenendo la presenza di Elena Sofia Ricci fino all’ultimo episodio, molti sono i fan delusi. Dopo 12 anni e 112 episodi, la Ricci era la colonna portante della serie ed è impensabile una sostituta del suo livello. Unica consolazione pare che la scelta di “svecchiare” non sia arrivata dall’alto ma bensì da una libera scelta di Elena Sofia. Che sicuramente sa cosa significa.

I fan mi vogliono bene. Si sono dispiaciuti quando ho lasciato Caro Maestro, Orgoglio, I Cesaroni, quando è finita Vivi e lascia vivere. Grazie a questo slalom tra le serie e i generi non mi identificano in un ruolo: sono Elena Sofia. Con i bambini è diverso. Però mi fa felice che il pubblico abbia imparato a conoscere me, la persona che sono, non i personaggi che interpreto. Poi ama anche quelli. Vuol dire che non l’ho tradito, ho fatto un buon lavoro.