Can Yaman fa quasi arrestare un fan invadente: “Mi è partita la ‘ciavatta’”

Can Yaman fa quasi arrestare un fan invadente: “Mi è partita la ‘ciavatta’”

Can Yaman ha raccontato in una recente intervista di un triste episodio in cui ha quasi fatto arrestare un fan a causa della sua invadenza.


Can Yaman è tornato a parlare dell’invadenza delle sua fan più accanite in un’intervista a un noto quotidiano. L’attore turco non si è trattenuto, esternando le sue preoccupazioni per eventuali relazioni future e raccontando alcuni episodi ai limiti dello stalking. Come uno avvenuto a Palermo durante le riprese di Viola Come il Mare, dove l’attore ha quasi fatto arrestare un fan


Leggi anche: Can Yaman a Palermo per San Valentino: Ecco perché…

Can Yaman preoccupato per le sue relazioni future a causa delle fan

Can Yaman si è lamentato in più di un’occasione del comportamento invadente dei suoi fan, che sembrano avercela in particolar modo con le sue compagnie femminili. Queste ultime, colleghe e non, diventano infatti spesso oggetto di attenzioni sgradite e malelingue. L’ultima malcapitata è Francesca Chillemi, sua co-star nella nuova fiction di Canale 5, Viola Come il Mare, che ultimamente l’attore turco si è ritrovato a dover difendere costantemente da eventuali “attacchi” delle sue fan.

In una recente intervista a La Stampa, Can Yaman è tornato nuovamente a parlare dell’invadenza da parte delle sue ammiratrice, esprimendo persino preoccupazione per una futura relazione impegnata:


Potrebbe interessarti: Can Yaman torna a Roma: Finite le riprese di Viola come il mare a Palermo

“]…] Ogni donna che mi si avvicina, anche un’amica o una collega, diventa subito oggetto di attenzioni esagerate. Mi chiedo come mai potrà reggere tutto questo una futura, vera fidanzata“.

L’attore turco ha quasi fatto arrestare un fan a Palermo

L’attore turco prosegue raccontando di come è arrivato persino a dover cambiare casa a causa delle fan, ironizzando sul fatto che fino ad ora è riuscito a non farsi trovare da nessuno. Can Yaman ci scherza su, ma non nega che certi episodi lo hanno portato veramente al limite. Come ad esempio una spiacevole situazione creatasi a Palermo, dove l’attore si trovava per girare Viola Come il Mare:

Eravamo in albergo – racconta Can Yaman stavamo parlando con la troupe, ho aperto la porta e mi sono trovato davanti uno che origliava, un maschio. Mi è partita la ‘ciavatta’, ho detto ‘arrestatelo’, insomma mi ha dato fastidio“.