The dictator tifa Juventus? Stasera la prima mondiale del film di Sacha Baron Cohen

The dictator tifa Juventus? Stasera la prima mondiale del film di Sacha Baron Cohen

Con la sua barba alla Fidel e l’uniforme alla Gheddafi The dictator sta per arrivare. Stasera la premiere mondiale, a Londra del film scritto e interpretato da Sacha Baron Cohen per la regia di Larry Charles. In Italia lo vedremo in sala il 15 giugno.


Nel suo quarto lungometraggio in un ruolo da protagonista, Cohen, approdato alla notorietà per aver intervistato nel ruolo di falso giornalista una lunga schiera di celebrità “è un dittatore che ha rischiato la vita per assicurare che la democrazia non sarebbe mai arrivata nel paese che ha tanto amorevolmente oppresso”, è l’ammiraglio Generale Aladeen, capo supremo del paese fittizio nordafricano della Repubblica di Wadiya, con lui Ben Kingsley e Anna Faris. Il film è ironicamente ispirato al romanzo Zabibah and the king scritto da Saddam Hussein.

Lo scorso febbraio il dittatore ha fatto la sua apparizione sul red carpet degli Oscar con tanto di uniforme e una guardia del corpo femminile che tanto assomigliava alle “amazzoni” di Gheddafi, maneggiando un’urna presumibilmente contenente le ceneri del dittatore della Corea del Nord Kim Jong-il, che l’attore ha “accidentalmente” versato sul giornalista di E! Ryan Seacrest. Le “ceneri” sono state successivamente segnalate in un impasto per pancake. Ieri, intanto leader e scorta hanno fatto il loro ingresso negli studi televisivi londinesi. Qualcuno gli ha regalato una sciarpa della Juventus: acredine britannica verso i bianconeri, già “soci” della famiglia Gheddafi? Ecco le immagini, domani quelle della prima.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto