Tarantino racconta i migliori film del 2013

Tarantino racconta i migliori film del 2013

Il grande regista consegna con largo anticipo la sua personale classifica


Ogni buon cinefilo che si rispetti ha la fissa di classificare e catalogare i film, a volte con metodi maniacali e secondo diverse categorie, che possono essere genere, anno o personale.

Tarantino, si sa, non è solamente regista, ma prima di tutto è uno degli amanti più sfegatati della settima arte. Per tener fede al suo ruolo, quindi, non poteva astenersi dallo stilare la suo personalissima classifica delle migliori pellicole del 2013.

Un po’ in anticipo forse, ma l’anno scorso non era riuscito ad andare molto al cinema, a causa della lavorazione di Django Unchained, limitandosi a creare una misera top 3 in cui comparivano Looper di Ryan Johnson, Hitchcock di Sacha Gervasi e Holy Motors di Leos Carax. Probabilmente quest’anno vuole giocare d’anticipo per recuperare la mancanza del 2012.
Tra grandi Kolossal, successi e flop al botteghino, film d’autore e piccoli cult, ecco la top 10 del 2013 di Quentin Tarantino:

  • Afternoon Delight (Jill Soloway)
  • Before Midnight (Richard Linklater)
  • Blue Jasmine (Woody Allen)
  • The Conjuring (James Wan)
  • Drinking Buddies (Joe Swanberg)
  • Frances Ha (Noah Baumbach)
  • Gravity (Alfonso Cuarón)
  • Kick Ass 2 (Jeff Wadlow)
  • The Lone Ranger (Gore Verbinski)
  • This Is The End (Seth Rogen, Evan Goldberg)

(f.p.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto