Star Wars – Tanti Auguri George Lucas, episodio 70

Star Wars – Tanti Auguri George Lucas, episodio 70

Il papà di Star Wars compie oggi 70 anni e festeggia con l’inizio delle riprese dell’episodio 7, che la torta sia con te


Oggi George Lucas compie 70 anni e i sentimenti dei fans di Star Wars, la sua creatura, non potrebbero essere più in contrasto tra loro. Da una parte c’è un amore smodato per lui, un eterno senso di gratitudine per averci regalato una saga cinematografica spettacolare, ma dall’altra c’è anche molto astio, per il modo in cui l’ha trattata, per come è cambiato negli anni e forse anche per la sua ingordigia finanziaria. No forse un po’ lo odiamo tutti solo per Jar Jar Binks. Auguri George, cento di questi giorni e speriamo che la nuova trilogia sia all’altezza della prima.

Prima di diventare il papà di Star Wars, George Lucas era un regista giovane molto interessante. Laureatosi in cinema alla University of Southern California, fondò insieme all’amico Francis Ford Coppola la American Zoetrope, casa di produzione indipendente. I suoi primi corti dimostrano una creatività vastissima e una grande voglia di sperimentare. Il suo primo lungometraggio è THX 1138, fantascienza allo stato puro in un mondo distopico. Forse rimane ancora oggi il suo lavoro migliore.

Poi esce con American Graffiti, un amarcord sull’America anni 50. E’ un grande esperto di cinema, tecnicamente e storicamente, e proprio in questo periodo si batte contro il governo Reagan per non permettere che alcuni film storici in bianco e nero vengano ritoccati con il colore. Appartengono a noi spettatori, diceva. Curioso, è la stessa cosa che avremmo urlato anche noi, anni dopo e inascoltati, quando lui si mise a ritoccare con nuovi effetti speciali la vecchia trilogia di Star Wars.

E quindi arrivò Star Wars, un altro esperimento del giovane Lucas. Un film di fantascienza che mixava il fantasy e i combattimenti dei western e le spade dei samurai. Raccoglieva influenza da Rocketeer e citava Kurosawa, si ispirava a Leone e metteva una principessa delle favole. Era una rivoluzione, ma in un certo senso gli scappò dalle mani. Si ingigantì e raggiunse proporzioni inimmaginabili. In definitiva lo schiacciò e da quel momento in poi la sua creatura da milioni di dollari lo fagocitò. Certo ci regalò una saga a cui siamo affezionatissimi ma in cambio perdemmo un regista promettente che chissà cosa avrebbe potuto realizzare.

E adesso si ricomincia, una nuova trilogia, messa però nelle mani di JJ Abrams e della Disney (un accordo che gli è fruttato 4.05 miliardi di dollari) e nonostante una seconda trilogia prequel che ci ha fatto storcere il naso, siamo ancora tutti qui, speranzosi, irriducibili, fiduciosi. Lucas ci ha stregati, ci ha regalato un mondo fantastico e con esso stupende memorie. Per questo gli saremo sempre grati, e non importa quali follie ha ancora in serbo, in quanti altri modi vorrà rifare il suo Star Wars, i nostri ricordi non si toccano. Buon Compleanno George e la canzone te la canta il tuo Jar Jar Binks. [l.f.]





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto