Speciale Oscar 2015 – Miglior film: Whiplash, 5 curiosità

Speciale Oscar 2015 – Miglior film: Whiplash, 5 curiosità

Whiplash arriva a tutto ritmo di batteria al gran gala degli Oscar 2015


Whiplash è la sorpresa 2014, un piccolo gioiello che punta dritto agli Oscar. La musica, il talento, il duro allenamento e la ricerca e la costruzione del prossimo grande talento. Una pellicola che va ben oltre il mero racconto di crescita di un artista o del rapporto tra maestro-allievo, è molto altro. Con un JK Simmons da paura, letteralmente, è il grande underdog della competizione, ma mai dire mai.
Leggi anche gli speciale degli altri film candidati:
*American Sniper
*Grand Budapest Hotel
*Birdman
*Boyhood
*La teoria del tutto
*Selma
*The Imitation Game

Speciale Oscar:
Tutte le info sugli Oscar 2015: date, orari, programma e ospiti
La vera storia dietro la statuetta messicana
Tutte le curiosità sugli Oscar 2015
Oscar 2015: le quote degli scommettitori

Trama: Il film racconta di un giovane batterista jazz. Nella scuola di musica che frequenta, il direttore d’orchestra è un insegnante che per ottenere il massimo dai suoi studenti adotta metodi anche crudeli, di cui il giovane subirà le conseguenze.
Leggi qui la recensione

5 curiosità su Whiplash

– Sono dolori –
In una scena dove JK Simmons viene braccato e sbattuto a terra sul palco da Miles Teller, l’attore si è rotto due costole. Teller ha sfogato tutta la sua rabbia sul perfido insegnante. Forse un po’ troppo.

– Musica maestro –
Sia Teller che Simmons erano già a conoscenza degli strumenti che suonano poi nel film. Teller era stato batterista per la band della sua scuola cattolica, mentre Simmons ha dovuto riprendere le lezioni di piani che aveva quasi dimenticato nel corso degli anni. Nonostante sia stato usato spesso una controfigura, per i pezzi di batteria nella colonna sonora sono stati utilizzati al 40% esecuzioni di Teller. A fine giornata, il ragazzo aveva serie vesciche e dei vigorosi tagli sulle mani. Il sangue sulla batteria è quindi vero.
whiplash 2

– Dal corto al lungo –
Il regista e sceneggiatore Damien Chazelle non riuscì a farsi finanziare il film, così nel 2013 ne fece solo un trailer che presentò al Sundance Festival. Vinse nella categoria e ottenne così i fondi. Ha richiesto solo 19 giorni di riprese. E’ uno dei film che ha meno incassato nella storia degli Oscar (10.5 milioni di dollari) ad essere comunque candidato come miglior film.

– Che botta! –
Durante la produzione il regista Chazelle è stato protagonista di un incidente in macchina. Un po’ come il suo protagonista, Andrew.

– Sberle –
Le sberle che Simmons da a Teller sono vere, è evidente. Prima di prenderlo a veri schiaffoni, hanno fatto diverse prove. In effetti, Teller ha ammesso di non essere stato in grado realmente di capire se stava accelerando o rallentando il ritmo che stava tenendo alla batteria.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto