Speciale Oscar 2015 – Miglior film: The Imitation Game , 5 curiosità

Speciale Oscar 2015 – Miglior film: The Imitation Game , 5 curiosità

The Imitation Game, la vita di Alan Turing, 8 nomination ai prossimi Oscar 2015


Domenica 22 sarà finalmente il giorno della notte degli Oscar 2015. I migliori film dell’anno si sfideranno per la vittoria delle statuette più ambite come regia, film, sceneggiatura e attori vari. Vi proponiamo una serie di speciali dedicati ad ognuno degli 8 titoli in lizza per la vittoria del premio di Miglior Film. Oggi è il turno di The Imitation Game di Morten Tyldum con Benedict Cumberbatch e Keira Knightley.
Leggi anche gli speciale degli altri film candidati:
*American Sniper
*Grand Budapest Hotel
*Birdman
*Boyhood
*Whiplash
*La teoria del tutto
*Selma

Speciale Oscar:
Tutte le info sugli Oscar 2015: date, orari, programma e ospiti
La vera storia dietro la statuetta messicana
Tutte le curiosità sugli Oscar 2015
Oscar 2015: le quote degli scommettitori

Trama: La vita del matematico inglese Alan Turing, genio indiscusso del XX secolo, considerato uno dei padri dell’informatica e dei moderni computer, fino alla sua precoce e tragica scomparsa.
Leggi la recensione

5 curiosità su The Imitation Game

– Parenti alla lontana –
Benedict Cumberbatch e Alan Turing sono effettivamente parenti. Se si percorre il loro albero genealogico fino al 1300, si scopre che hanno in comune tale John Beaufort, e che sono quindi cugini di 17esimo grado. Hum, se ci mettessimo a scavare bene, forse anche noi saremmo parenti di Cumberbatch.

– Le parole crociate –
Se andate sul sito del film, theimitationgamemovie.com, troverete un mini gioco che vi permetterà di sbloccare dei contenuti extra. Il 27 novembre del 2014, data di uscita del film in America, il New York Times ha riproposto in prima pagina le parole crociate originali che il Daily Telegraph pubblicò nel 1942 per trovare crittoanalisti da utilizzare nella seconda guerra mondiale. Per chi risolveva quello proposto dal Times c’era in palio un viaggio per 2 a New York.
The Imitation Game 4

– DiCaprio –
Originariamente sarebbe dovuto essere protagonista Leonardo DiCaprio. Ma forse la scottante esperienza con J Edgar, non uno dei migliori di Eastwood, e il fatto di non essere propriamente simile a Turing o il non possedere un accento british hanno fatto desistere lui e la produzione che si è lanciata sull’attore del momento, Cumberbatch.

– Troppo bella –
La nipote di Turing, Inagh Payne ha definito Cumberbatch molto ben vestito e in parte, mentre su Keira Knightley non era entusiasta per la sua assomiglianza con la vera Joan Clarke. Keira è decisamente troppo bella per interpretarla, ha detto Inagh.

– Apple –
C’è un divertente gioco di parole in questo film su un genio dei computer. Turing da ai suoi colleghi delle mele (apples) Macintosh. Oggi se diciamo Macintosh ci vengono subito in mente i computer della Apple, l’azienda che fu di Steve Jobs.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto