Speciale Oscar 2015 – Miglior film: American Sniper, 5 curiosità

Speciale Oscar 2015 – Miglior film: American Sniper, 5 curiosità

American Sniper di Clint Eastwood, candidato a 6 premi Oscar, tra cui Miglior Film e attore per Bradley Cooper


Domenica 22 sarà finalmente il giorno della notte degli Oscar 2015. I migliori film dell’anno si sfideranno per la vittoria delle statuette più ambite come regia, film, sceneggiatura e attori vari. Iniziamo una serie di speciali dedicati ad ognuno degli 8 titoli in lizza per la vittoria del premio di Miglior Film. Oggi è il turno di American Sniper di Clint Eastwood, campione di incassi e film controverso che ha alimentato un dibattito acceso tra sostenitori e antagonisti, soprattutto per il modo in cui è trattata la vicenda del marine Chris Kyle.
Leggi anche gli speciale degli altri film candidati:
*Grand Budapest Hotel
*Birdman
*Boyhood
*Whiplash
*La teoria del tutto
*Selma
*The Imitation Game

Speciale Oscar:
La vera storia dietro la statuetta messicana
Tutte le curiosità sugli Oscar 2015
Oscar 2015: le quote degli scommettitori

Trama: Bradley Cooper è il Navy SEAL Chris Kyle, il cui unico scopo è quello di proteggere i propri compagni. E’ un cecchino dalla mira infallibile. Segue i commilitoni a distanza e li scorta fino a destinazione. Quando è in Iraq è già noto con il soprannome La Leggenda. Una nomea che irrita i nemici che mettono una taglia sulla sua testa. Ma i problemi non sono solo al fronte, le sue assenze da casa provocano eterne discussioni con la moglie.

5 curiosità su American Sniper

-La dieta da 8000 calorie di Bradley Cooper-
4 ore di allenamento ogni giorno per mesi, 8000 calorie ingurgitate ogni due pasti, questa la speciale preparazione di Bradley Cooper che, per sembrare il ben più piazzato e robusto Chris Kyle ha dovuto sudare le proverbiali 7 camicie. Come se non bastasse ha visionato ore e ore di filmati di Chris Kyle, per imitare la sua voce e le sue movenze e ha sparato con fucili da cecchino veri, grazie all’allenamento offerto dal NAvy Seal Kevin Lacz. Basterà per un Oscar, molto probabilmente no, ma per sollevare 192 kili di peso si (si vede anche in una scena durante il film). Per un approfondimento, leggi qua.

-Solo Eastwood potrebbe fare un film su di me-
Chris Kyle una volta disse che se mai si fosse fatto un film sulla sua vita, il regista migliore per farlo sarebbe stato Clint Eastwood. E’ stato fortunato quindi Chris, anche se all’inizio il progetto doveva finire nelle mani di Steven Spielberg e David O. Russell. Chi invece aveva dei dubbi sul film e su Eastwood era il papà di Chris, che ha minacciato il regista 70enne e Bradley Cooper “Non osate infangare la memoria di mio figlio“. Non è dato sapere se poi il signor Kyle abbia visto il film.

-Distanza siderale-
Nel film Kyle prende in testa un cecchino nemico ad una distanza incredibile. Il fatto è realmente accaduto, Kyle colpì un soldato nemico armato di RPG e pronto a colpire i suoi compagni, da una distanza di 2100 yard ovvero 1920 metri. Una delle maggiori critiche al film è stata quella di glorificare un assassino, di essere pro guerra e propagandista, ma il regista Michael Moore ha anche accusato i cecchini di essere dei codardi, sollevando un’infinità di risposte e anche minacce.

-Il bambino finto-
Una delle scene più controverse e presa a simbolo del film per farne satira, è stata quella del bambolotto finto usato per simulare il figlio di Cooper e Sienna Miller in scena. In principio doveva essere un bambino vero, erano stati scelti addirittura due neonati, un maschio e una femmina, ma il giorno delle riprese entrambi erano indisponibili (uno malato, l’altro irreperibile in tempo). E così è stato utilizzato un bambolotto e purtroppo si vede. E non poco. Le risate sono garantite.
-Incassi record-
Nel primo weekend di uscita, American Sniper ha incassato 105 milioni di dollari, infrangendo il record precedente. Uscito poco dopo Natale, la pellicola è rimasta nei cinema fino al weekend del Super Bowl (e in alcuni cinema anche dopo, persino in Italia), il 1 febbraio, continuando a incassare cifre pazzesche. Ad oggi ha superato i 305 milioni di incasso (+90 circa nel resto del mondo), terzo migliori risultato per il 2014 dietro Hunger Games e Guardiani della galassia. Ha ripagato quindi i 59 milioni spesi in produzione.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto