Servillo girerà “L’altro mare” di Theo Angelopoulos

Servillo girerà “L’altro mare” di Theo Angelopoulos

Da sempre, Theo Angelopoulos ama gli attori italiani. Di uno dei suoi capolavori, “Il passo sospeso della cicogna”, è protagonista…


Da sempre, Theo Angelopoulos ama gli attori italiani. Di uno dei suoi capolavori, “Il passo sospeso della cicogna”, è protagonista Marcello Mastroianni nella parte di un poeta in esilio. E ora è pronto a dirigere “L’altro mare” con Toni Servillo, già ammirato per esempio in “Il divo”, in cui ha indossato i panni di Giulio Andreotti, e in “Gomorra”.

 

Le riprese, che dureranno sei settimane, inizieranno tra pochi giorni, il 26 dicembre. Tra le location principali, il Pireo, il porto di Atene. Il regista greco, vincitore dell’”Orso d’oro” a Berlino con “I cacciatori”, in questa pellicola intende dipingere la difficile situazione economica e politica in cui versa da tempo il suo Paese, specchio della drammatica crisi che sta attanagliando il mondo contemporaneo. Con quest’opera, in particolare, racconterà la disperazione di coloro che perdono il posto di lavoro.
Servillo interpreterà un personaggio che si annuncia profondamente ambiguo. Da una parte con i connotati del patriarca, dall’altra dell’individuo spregiudicato. E’ un politico cinquantenne che, sottobanco, gestisce un’organizzazione impegnata nel traffico d’immigrati. Clandestini che arrivano dalla Macedonia e dall’Albania e che passano dalla penisola ellenica per raggiungere l’Italia. Alcuni di loro avevano trovato un’occupazione in un’azienda che ha però chiuso. E nella fabbrica ormai dismessa, e diventata anche abbastanza fatiscente, la figlia del parlamentare sta curando l’allestimento di una versione dell’”Opera da tre soldi”, spettacolo teatrale di Bertolt Brecht. Nel cast gli operai licenziati: abbastanza per innescare un rapporto conflittuale tra il padre e la ragazza. (Marco Fornara)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto