Quentin Tarantino: 50 anni portati benissimo

Quentin Tarantino: 50 anni portati benissimo

Come festeggiare i 50 anni di un regista premio Oscar? Ovviamente attraverso i suoi film!


Se non conoscete Quentin Tarantino venite da un altro pianeta, e non lo diciamo tanto per dire, ma semplicemente perché un Premio Oscar come lui, vale la pena di essere conosciuto e approfondito e per noi abbiamo deciso di ricordarlo, proprio nel giorno del suo cinquantesimo compleanno, così, attraverso i suoi aforismi più famosi e interessanti e attraverso una carrellata dei film della sua carriera.

“Per me la violenza è un soggetto del tutto estetico. Dire che non ti piace la violenza al cinema è come dire che al cinema non ti piacciono le scene di ballo”.

“Se non riesco a far parlare i personaggi, allora rinuncio. Se sono io a far parlare tra loro i personaggi allora sono fandonie e fasullaggini. Diventa eccitante quando un personaggio dice qualcosa e io penso: Wow, ha detto proprio così? Non sapevo che avesse una moglie e la pensasse così!”

“Non credo di predicare alcun tipo di morale né di diffondere un messaggio in particolare, ma, con tutta la ferocia dei miei film, io penso che comunque si arrivi a una conclusione morale. Per esempio trovo molto toccante e profondo da un punto di vista morale e umano ciò che succede tra Mr. White e Mr. Orange alle fine de “Le Iene””.

“A Hollywood puoi venire da qualsiasi posto, non hai bisogno di un diploma. Nessun diploma mi ha fatto avere un ingaggio come attore o uno come regista. A loro non interessa chi sei e da dove vieni: devi riuscire ad avere il primo lavoro, è dura ma allora sei sulla buona strada. Il resto sta a te, qualunque cosa hai da offrire”.

 

Le Iene

 

 

 

Pulp Fiction

 

 

 

Jackie Brown

 

 

 

Kill Bill Vol.1

 

 

 

Kill Bill Vol.2

 

 

 

Grindhouse A prova di morte

 

 

 

Bastardi Senza Gloria

 

 

 

Django Unchained

 

 

 

(b.p.)

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto