Novecento: il film stasera su Rai Movie

Novecento: il film stasera su Rai Movie

Va in onda stasera 30 aprile alle 21.10 su Rai Movie il film di Bernardo Bertolucci, Novecento. Considerato da molta…


Va in onda stasera 30 aprile alle 21.10 su Rai Movie il film di Bernardo Bertolucci, Novecento. Considerato da molta parte della critica il capolavoro del maestro emiliano, scomparso l’anno scorso, uscì nel cinema, diviso in due parti, nel 1976. È un grande affresco storico e famigliare che racconta le vicende del secolo scorso attraverso due famiglie dell’Emilia: quella dei padroni, i Berlinghieri, il cui primogenito Alfredo (Robert De Niro) nasce il 27 gennaio 1901, lo stesso giorno di Olmo (Gerard Depardieu), figlio illegittimo di una contadina che lavora per loro, e quella dei poveri braccianti. Attraverso le vicende dei due ragazzi e poi uomini, della loro amicizia e dei loro amori, si racconta il secolo, col terribile periodo storico del fascismo, fino al dopoguerra.

Nel ruolo del patriarca dei Berlinghieri c’è il grande attore americano Burt Lancaster, che due anni prima aveva interpretato per Luchino Visconti, che già l’aveva diretto ne Il Gattopardo, il crepuscolare Gruppo di famiglia in un interno. Del cast internazionale fa parte anche Donald Sutherland, che interpreta con impressionante malvagità il fascista Attila, compagno di atrocità di Regina (Laura Betti).

A un altro noto caratterista americano, Sterling Hayden, protagonista di film come Johnny Guitar, Rapina a mano armata e Il dottor Stranamore di Stanley Kubrick, Bertolucci affidò il ruolo del vecchio Dalcò. La francese Dominique Sanda è Ada, Stefania Sandrelli è Anita e Stefania Casini Neve, mentre il grande attore di teatro e cinema italiano Romolo Valli, è Giovanni.

Sia De Niro che Depardieu, all’epoca rispettivamente 33 e 28 anni, erano agli inizi della loro brillante carriera, anche se De Niro aveva già ricevuto l’anno precedente la candidatura all’Oscar per Il padrino – parte II. Nello stesso anno l’attore francese recitò nello “scandaloso” L’ultima donna di Marco Ferreri.

Il film è interamente girato nelle campagne di Parma, Cremona, Reggio Emilia, Mantova e Modena. Il direttore della fotografia è il premio Oscar Vittorio Storaro. All’epoca il film, ripetendo la sorte toccata due anni prima a Ultimo tango a Parigi, subì anche un processo per oscenità in relazione a un atto di pedofilia e omicidio commesso da Attila, ma venne assolto e dissequestrato.

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto