Molly’s Game: da domani, giovedì 19 aprile 2018, in tutti i cinema italiani

Molly’s Game: da domani, giovedì 19 aprile 2018, in tutti i cinema italiani

La vera storia di Molly Bloom che dopo un infortunio interrompe la sua carriera sugli sci e scala le vette economiche e sociali con il poker clandestino.


Quando la sua carriera di sciatrice professionista viene spezzata da un brutto incidente, Molly decide di dare una svolta alla sua vita. Molly’s Game, al cinema da domani 19 aprile 2018, racconta la vera storia di Molly Bloom, una giovane promessa dello sport che, dopo aver dovuto abbandonare i sogni delle Olimpiadi, inizia una vera e propria scalata economica e sociale.

Tratto dal romanzo autobiografico Molly’s Game: The True Story of the 26-Year-Old Woman Behind the Most Exclusive, High-Stakes Underground Poker Game in the World, il film segna il debutto alla regia per Aaron Sorkin che ha voluto con sé Jessica Chastain nel ruolo della protagonista e Idris Elba in quello del suo avvocato difensore Charley Jaffey. Sì perché la vera storia di Molly parte dalle piste da sci per arrivare sui tavoli da gioco, tra mani di poker e giochi d’azzardo.

Molly’s Game poker

Dopo aver iniziato a lavorare come cameriera, si avvicina ai giri di poker tramite il suo datore di lavoro. Ma è in seguito al suo licenziamento senza nessuna spiegazione, che decide di organizzare da sola un giro di carte che ben presto diventa il più esclusivo e ambito di Los Angeles. Il “gioco di Molly” viene frequentato da tutti, soprattutto dalla celebrities hollywoodiane e incassa milioni di dollari. Al suo interno, senza che la padrona di casa ne sia a conoscenza, arriva anche la mafia russa.

Un giorno però alla porta di questo dorato mondo di fish bussa l’FBI. Inizia così una lunga battaglia giuridica, con il solo sostegno di Jaffey (Idris Elba). L’avvocato difensore scoprirà che dietro le copertine scandalistiche e i tabloid, si nasconde una donna dal passato problematico e con un rapporto difficile con il padre Larry, interpretato da Kevin Costner.

Molly’s game Jessica Chastain

Il film di Sorkin, nominato sia al Golden Globe che all’Oscar per la miglior sceneggiatura, come scrive Federico Gironi su Comingsoon.it è:

Un film pieno della retorica buona, sana e progressista dell’americano, e soprattutto è un film dove il suo autore può parlare esplicitamente di padri e figli come mai prima d’ora (nemmeno in Steve Jobs). Quello interpretato da una Jessica Chastain che lascia interdetti per bellezza e bravura è l’ennesimo personaggio superiore alla media che cerca riscatto e affermazione in un mondo sempre più alla deriva, e che con la sua morale finisce col redimere – spera Sorkin – non solo sé stessa ma anche lo spettatore.

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto