Marilyn Monroe – Il ricordo dell’attrice, a 52 anni dalla scomparsa, stasera su Rai 1

Marilyn Monroe – Il ricordo dell’attrice, a 52 anni dalla scomparsa, stasera su Rai 1

Andrà in onda stasera su Rai 1 alle 21.10 il film Marilyn di Simon Curtis con Michelle Williams e Kenneth Branagh, nel giorno dell’anniversario della morte, 5 agosto 1962


Il 5 agosto 1962 moriva a Brentwood, in circostanze ancora oggi misteriose, Marilyn Monroe. Aveva da poco compiuto 36 anni. Nel giorno dell’anniversario della sua scomparsa, Rai 1 trasmetterà alle ore 21.10 il film Marilyn del 2011 diretto da Simon Curtis, con Michelle Williams nei panni di Marilyn, Eddie Redmayne, Julia Ormond e Kenneth Branagh nel ruolo di Laurence Olivier.

Il film racconta del periodo trascorso in Inghilterra dall’attrice, mentre era all’opera con le riprese del film commedia Il principe e la ballerina di  Laurence Olivier nel 1957. La sua natura leggera, allegra, volubile e capricciosa si scontra con quella professionale, rigida e composta del regista Olivier, regista e attorie inglese tutto d’un pezzo. Pian piano e dopo innumerevoli scontri, il rapporto tra i due si appiana e il fascino della bionda più famosa di sempre ha la meglio.

In quel periodo Marilyn si trovava tra due film cult girato con Billy Wilder, A qualcuno piace caldo e Quando la moglie è in vacanza. Anche con il regista tedesco emigrato in America, seppur più allegro e gioviale i rapporti si incrinarono molto presto. Purtroppo Marilyn era croce e delitto dei grandi autori. Da una parte era in grado di bucare letteralmente lo schermo e rendere memorabile una frase, una scena, un film intero solo apparendo.

Dall’altra era scostante, non ricordava le battute -è storico l’aneddoto sul set di A qualcuno piace caldo, quando ci vollero 50 e più tentativi per dire la frase “Sono io, zucchero”- , era in costante ritardo o a volte neanche si presentava sul set. A peggiorare le cose, e questo si vede anche nel film, ci pensò Paula Strasberg, un’insegnante di recitazione dell’Actor’s Studio che la esortava a essere naturale a utilizzare il metodo, a non badare alle pressioni dei registi.

Marilyn morì in circostanze molto misteriose. Il suo cadavere venne ritrovato privo di vestiti e con in mano la cornetta del telefono, stesa sul letto del suo appartamento. Dopo l’autopsia  nel corpo dell’attrice vennero ritrovati 8 milligrammi di idrato di cloralio e 4,5 milligrammi di Pentobarbital per 100 millilitri di sangue. Si archiviò il caso come suicidio ma l’opinione pubblica si spaccò. Molti credevano che qualcuno la avesse uccisa, forse per via della sua relazione clandestina con il presidente USA John Fitzgerland Kennedy.

Dopo la sua morte, nacque il mito che ancora oggi è al centro della cultura popolare. Ha recitato con alcuni dei più grandi registi viventi, ha posato per Andy Warhol, le sue conquiste vanno dalla letteratura (Arthur Miller) allo sport (Joe di Maggio). Ancora oggi si cerca una sua erede ma non esiste e forse mai esisterà.

Clicca qui per vedere il resto della programmazione di stasera in tv.

Luca Fallati





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto