Mad Max: Fury Road: il film stasera su 20

Mad Max: Fury Road: il film stasera su 20

Va in onda stasera 27 maggio alle 21 su Cielo l’action apocalittico di George Miller, Mad Max: Fury Road, con…


Va in onda stasera 27 maggio alle 21 su Cielo l’action apocalittico di George Miller, Mad Max: Fury Road, con Tom Hardy e Charlize Theron. Uscito nel 2015, è una rivisitazione della saga iniziata dal regista australiano con Mel Gibson come protagonista, nel 1979 con Interceptor, continuata con Interceptor – Il guerriero della strada due anni dopo e conclusa dal terzo film, Mad Max: Oltre la sfera del tuono del 1985.

Ed è, nel suo genere, un vero e proprio capolavoro: adrenalinico, immaginifico e spettacolare è stato candidato a 10 Oscar, incluso miglior film e miglior regia, vincendone sei: costumi, trucco, scenografia, montaggio, sonoro e miglior montaggio sonoro. Ha vinto numerosi altri premi ed è stato un grandissimo successo al box office mondiale, riportando il regista settantenne sulla cresta dell’onda.

La storia si svolge in un futuro apocalittico ed è ambientata ai confini più remoti del nostro pianeta, in un paesaggio desertico e desolato dove l’umanità è distrutta, e tutti lottano furiosamente per sopravvivere. In questo mondo ci sono due ribelli in fuga, gli unici che possono ristabilire l’ordine. C’è Max (Hardy), un uomo d’azione e di poche parole, che cerca pace dopo la perdita della moglie e del figlio all’indomani dello scoppio della guerra. E Furiosa (Theron), una donna d’azione che crede di poter sopravvivere solo se completerà il suo viaggio a ritroso attraverso il deserto, verso i luoghi della sua infanzia.

Mad Max crede che il modo migliore per sopravvivere sia muoversi da solo, ma si ritrova coinvolto con il gruppo in fuga attraverso la Terre Desolata su un blindato da combattimento, guidato dall’imperatrice Furiosa. Il gruppo è sfuggito alla tirannide di Immortan Joe, cui è stato sottratto qualcosa di insostituibile. Furibondo, l’uomo ha sguinzagliato tutti i suoi uomini sulle tracce dei ribelli e così ha inizio una guerra spietata.

Girato nel deserto della Namibia, questo incredibile film si conquista una verosimiglianza grazie all’utilizzo non di effetti realizzati in computer graphic, ma per l’80% meccanici, come si faceva un tempo. Per le scene dell’inseguimento Miller crea una serie di personaggi incredibili,  interpretati tutti da artisti e acrobati del Cirque du Soleil. Uno dei più impressionanti è il chitarrista, interpretato dall’artista e musicista australiano Sean Hape, in arte Iota, che in un’intervista ha dichiarato che la chitarra pesava circa 60 kilogrammi e sparava vere fiamme alimentate dal gas, che lui controllava usando il whammy bar, ovvero il vibrato.

Per essere apprezzato a pieno per l’esperienza che è, Mad Max: Fury Road andrebbe visto al cinema su uno schermo gigante, ma anche in televisione non si può proprio mancare!

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto