Machete Kills, intervista a Danny Trejo

Machete Kills, intervista a Danny Trejo

Il protagonista del film racconta la genesi del personaggio e il suo rapporto con il regista Robert Rodriguez


Machete Kills vede di nuovo nel ruolo di protagonista Danny Trejo, caratterista americano famoso per i suoi ruoli da duro in moltissimi film di genere. Trejo è forse in assoluto l’attore preferito dal regista Robert Rodriguez, che l’ha diretto non solo nei due film della saga (presto trilogia?) di Machete ma anche in Desperado, Dal tramonto all’alba e nei film della serie Spy Kids. Ecco una serie di risposte date da Trejo all’Huffington Post all’uscita di Machete Kills nelle sale americane, sul personaggio che interpreta e sul suo rapporto con Rodriguez.

Viene chiesto a Danny Trejo se avrebbe mai pensato di interpretare il personaggio di Machete in una trilogia cinematografica, a 5-6 anni dalla sua comparsa in un finto trailer di Grindhouse:

“Machete nacque 20 anni fa. Robert mi vide e disse, “Ho un personaggio per te. Non devi nemmeno recitare, vai solo in giro e sii te stesso e parla.” Poi mi vide fare amicizia con la gente in Messico, il modo in cui affontavo le cose e mise a punto il personaggio. Ne parlammo, poi abbiamo fatto Spy Kids e disse, “Chiamiamolo zio Machete”. E’ nato da lì insomma, e un giorno dovette fare Grindhouse, e serviva un finto trailer, e Robert disse, “Non faremo mai questo film, facciamoci un trailer”. Così fecero Machete, e la gente usciva dai cinema dopo aver visto Grindhouse e tutti chiedevano di girare Machete. Era la cosa migliore di Grindhouse, vero? E poi, i amo questo film. Anche se non ci fossi io, sai? E’ il tipo di film che mi piace, mi spiego? non ha un gran valore artistico e non finirà in una capsula temporale. E’ solo… E’ solo un mucchio di divertimento, dall’inizio alla fine. E dopo Machete, il pubblico ha reagito così bene che abbiamo fatto Machete Kills [ride]. Vediamo come va questo e poi come andrà Machete Kills… in Space”

Sull’appeal del personaggio e il modo in cui il pubblico reagisce a Machete:

“Beh penso che la gente possa, prima di tutto identificarsi con lui. E’ solo un tizio che vede cose sbagliate e vuole, sai, raddrizzarle. Ed è… insomma, non ti puoi identificare con Superman, e non puoi farlo con Iron Man, e nemmeno con… tutti i tizi così. Voglio dire, volano e nessuno vuole davvero indossare una calzamaglia tutto il tempo. Perciò, è che questo personaggio è un tizio normale. Solo che… E’ un duro”

Sul suo rapporto col regista Rodriguez:

“Quando entrai nell’ufficio di Robert a Losa Angeles stava facendo il casting per Desperado. Mi guardò e disse che gli ricordavo i tizi pericolosi del suo liceo. Non sapevo che rispondere, così gli dissi che io ERO i tizi pericolosi del suo liceo, e andammo subito d’accordo. Iniziammo a parlare, mi diede un coltello e mi disse di imparare a farlo roteare. Io lo sapevo già fare, e così facemmo Desperado e ad andare d’accordo. Era proprio questo, come dire, modo di comunicare comune. Poi i miei zii arrivarono da San antonio giù ad Acuña, in Messico, si imbatterono in Robert e scoprimmo di essere secondi cugini. Wow!”

Machete Kills è nei cinema italiani dal 7 novembre, cliccate qui per leggere trama e notizie sui protagonisti. Qui sotto potrete vedere il trailer ufficiale del film. (c.a.)

Machete Kills – Trailer Ufficiale Italiano





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto