La Regola del Gioco: Jeremy Renner nel thriller ispirato alla vera storia di Gary Webb – TRAILER

La Regola del Gioco: Jeremy Renner nel thriller ispirato alla vera storia di Gary Webb – TRAILER

E’ Jeremy Renner, protagonista del premio Oscar The Hurt Locker, ad interpretare ne La Regola del Gioco il giornalista Gary Webb che sfidò la CIA negli anni Novanta


Prendete una storia vera avvincente, un cast super quotato e affidatelo ad un regista semi-sconosciuto. Il risultato? La Regola del Gioco (titolo originale Kill the messenger), il film che da giovedì è presente in oltre 150 sale.

L’attesissimo thriller avrebbe infatti dovuto raccontare al grande pubblico la vicenda del giornalista statunitense Gary Webb che negli anni ‘90 mise nei guai la CIA tramite una serie di articoli nei quali rivelava i loro legami con i ribelli del Nicaragua.

Lo scoop su un ingente traffico di droga in transito dal Nicaragua agli Stati Uniti volto a finanziare i Contras rese Webb un paladino della giustizia meritevole di premi e onorificenze ma al contempo una vittima perfetta della macchina del fango.

Il film di Michael Cuesta (noto per aver girato alcuni episodi di Homeland e Six Feet Under), oltre all’inchiesta dal titolo Dark Alliance, mostra le superflue beghe familiari di Webb.

regola 2

Subito dopo la pubblicazione dei suoi controversi articoli il reporter del San José Mercury si vide infatti costretto a giustificare all’opinione pubblica un tradimento coniugale e il conseguente suicidio della sua amante.

D’altronde Andy Garcia nei panni del trafficante Norwin Meneses lo aveva avvisato: “Ora conosci la verità, la scelta più importante è decidere cosa condividere con il resto del mondo”. Ma le manie di grandezza di Webb e il suo onesto desiderio di chiarezza non avevano limiti.

Il giornalista, dopo la fine del suo matrimonio, fu trovato morto nel suo appartamento il 10 dicembre 2004 e considerato suicida nonostante molti dubbi permangano sulle sue reali sorti.

regola 3

Jeremy Renner, che finora abbiamo visto recitare bene solo al cospetto di registi del calibro di Kathryn Bigelow (The Hurt Locker, Oscar 2008) e Daniel O. Russell (American Hustle – L’apparenza inganna, 2013), continua a risultare monocorde e piuttosto apatico perfino nel ruolo di un giornalista disposto a rischiare (e successivamente a perdere) la propria vita in nome della verità.

Rosemarie DeWitt che interpreta la moglie di Webb, Sua, continua rimanere uguale a se stessa sin dai suoi esordi che risalgono a circa 15 anni fa mentre Ray Liotta e Michael Sheen restano in video troppo poco per ricordarsi delle loro incursioni.

A delle interpretazioni non del tutto convincenti e sicuramente non all’altezza della caratura dei personaggi si aggiunge una sceneggiatura piuttosto convenzionale e retorica che non rende giustizia alla potenzialità della storia di Webb.

regola 4

Sebbene il regista e lo sceneggiatore Peter Landesman (Parkland, Concussion) si mostrino estremamente rispettosi e solidali nei confronti del giornalista d’inchiesta, l’emozione non prende mai il sopravvento in un film che risulta piuttosto freddo e asettico.

La nota più dolente è quella finale quando il film sottolinea come nello stesso anno dell’inchiesta Dark Alliance lo scandalo Lewinsky/Clinton balzò agli onori della cronaca monopolizzando l’opinione pubblica che lo trovò di gran lunga più interessante!

Di sicuro che lo sforzo di un giornalista con buone intenzioni nell’era post-Assange continui a non trovare riscontro continua a rendere l’intera faccenda tremendamente triste e tragica.

di Rosa Maiuccaro

Il trailer de La Regola del Gioco

https://www.youtube.com/watch?v=vETKprew-_0 https://www.youtube.com/watch?v=





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto