James Bond a Roma – Monica Bellucci: “Chiamatemi Bond lady”

James Bond a Roma – Monica Bellucci: “Chiamatemi Bond lady”

All’etichetta di ‘Bond Girl’, l’attrice 50enne, prossima a scendere sul set del nuovo ‘007’, preferisce il titolo di ‘Bond Lady’ considerata la sua età


Scelta a 50 anni dal regista Sam Mendes per vestire gli inediti panni della ‘Bond Girl’ per ‘Spectre’, il nuovo film della saga ‘007’, Monica Bellucci è sicura di riuscire a stupire il pubblico portando sullo schermo l’immagine della donna matura.

“Chiamatemi Bond Lady piuttosto” – ha affermato l’attrice che affiancherà Daniel Craig.

Sulle pagine dell’ ‘Event’, editoriale domenicale del ‘Daily Mail’ ha aggiunto: “Quando sono stata chiamata per questo ruolo, il primo pensiero è stato, ‘Come faccio ad essere una Bond Girl a 50?’ Dopo le audizioni, il regista Sam Mendes mi ha detto che per la prima volta nella storia, voleva una donna della stessa età del protagonista principale.”

“Ho detto a Sam che, se avesse fatto qualcosa del genere, sarebbe diventato l’idolo delle donne. Se paragonata alle altre Bond Girl, io sono di certo più matura.”

Monica, che dopo la fine del matrimonio con Vincent Cassell starebbe frequentando l’imprenditore Telman Ismailov, ritiene che tutto ciò di cui le donne avanti con gli anni avrebbero bisogno, sia riuscire a raggiungere il proprio equilibrio interiore.

“Molte 50enne – spiega – credono di essere invisibili agli occhi degli uomini ma non si deve partire da questo presupposto. Ci si dovrebbe ricordare che quello che si mostra esteriormente, proviene da dentro. La vera sensualità risiede nella mente, nell’immaginazione, non nell’età anagrafica. Non mi sorprende affatto che un uomo di 20 o 30 anni mostri interesse nei confronti di una donna matura”.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto