iPad, una nuova era per il cinema?

L’altro giorno, durante la presentazione del nuovo iPad, a San Francisco, a scopo esemplificativo sono state trasmesse sul dispositivo le…


L’altro giorno, durante la presentazione del nuovo iPad, a San Francisco, a scopo esemplificativo sono state trasmesse sul dispositivo le immagini del film nominato agli Oscar “Extremely Loud & Incredibly Close” (Molto forte incredibilmente vicino). La cosa ha generato  stupore tra il pubblico, tale era la chiarezza e la definizione delle immagini.

 

Negli anni passati, quando sulla scena si sono affacciati i primi cellulari in grado di svolgere funzioni extra alla semplice telefonata, nel mondo del cinema si sollevò la forte preoccupazione che i registi di lì a qualche tempo avrebbero dovuto “settare” la loro opera sulle dimensioni microscopiche dello schermo di un telefonino. Preoccupazione poi scemata: era davvero eccessivo pensare che l’utente si fosse accontentato di guardare un intero film sui pochi centimetri di uno schermo da telefonia. Poi sono arrivati i lettori portatili di cd e blue ray, anche questi poco amati dai registi ma sopportati, visto che il loro uso alla fine è rimasto confinato alla categoria “accessori da viaggio”. Ma adesso no, adesso tutto può cambiare davvero: con un uso del tablet sempre più esteso, la possibilità di prendere film facilmente e a buon prezzo attraverso gli store digitali; la buona definizione delle immagini – e chissà che presto non ci ritroveremo a parlare di un tablet 3D – il “grande schermo” dovrà davvero adattarsi ai 10 pollici e mezzo . Peccato, il cinema perde un altro po’ di magia.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto