Intervista a Kristian Levring: “Sergio Leone impazzirebbe per Mads Mikkelsen ma Lars Von Trier….”

Intervista a Kristian Levring: “Sergio Leone impazzirebbe per Mads Mikkelsen ma Lars Von Trier….”

In occasione dell’uscita di The Salvation, western con protagonisti Mads Mikkelsen ed Eva Green, vi proponiamo la nostra intervista esclusiva al regista Kristian Levring


In Italia non è molto noto Kristian Levring che ai tempi del Dogma 95 sottoscritto con Lars Von Trier (Dogville, Nymphomaniac, Le onde del destino), Søren Kragh-Jacobsen e Thomas Vinterberg (Festen, Il Sospetto) contribuì ad una delle esperienze cinematografiche più affascinanti di sempre.

Oggi lo ritroviamo nelle nostre sale con The Salvation (cliccate qui per leggere la nostra recensione), un western che cerca di omaggiare Sergio Leone e John Ford avvalendosi del talento di attori del calibro di Eva Green, Mads Mikkelsen e Jeffrey Dean Morgan e perfino del carisma di Eric Cantona.

In questa intervista esclusiva, rilasciata al London Film Festival, Levring mi ha rivelato il suo sconfinato amore per il western e la bizzarra promessa concordata con Lars Von Trier e il resto dei registi di Dogme 95.

poster01

Come nasce The Salvation?

L’idea del film è stata concepita a Londra. Ero a pranzo con un amico che aveva bevuto un bicchiere di troppo e abbiamo cominciato a parlare delle origini del cinema. Entrambi ci siamo riscoperti amanti del western e alla fine lui mi ha suggerito di girarne uno.

E qual è stata la sua risposta?

Gli ho detto: “Ma sei matto? Sono danese!” e lui ha insistito: “No, lo devi fare per tutto l’amore che provi per il genere. Ai soldi ci penso io”. Così ci siamo messi d’accordo ma lui ha stabilito tre criteri essenziali: che ci fosse un attore protagonista danese, che dovesse interpretare un becchino e indossare un cappello nero.

E Mads Mikkelsen si è rivelato l’attore ideale per quel ruolo?

Esattamente. Credo che lui sia portato per il western e che se oggi Sergio Leone fosse ancora vivo lo sceglierebbe come protagonista di un suo film. Cercavo degli attori con dei visi estremamente riconoscibili e Mads, Jeffrey Dean Morgan ed Eric [Cantona, n.d.r.] mi sono sembrati perfetti.

062

Eva Green è altrettanto magnetica…

Sì. Essendo muta per tutta la durata del film mi serviva un attrice che fosse in grado di comunicare con il proprio corpo e le espressioni facciali dei forti sentimenti. Lei stessa era molto intrigata dalla parte e io sono stato colpito dalla potenza del suo sguardo.

A quando risale il suo amore per il western?

Ne ho sempre guardati molti. Naturalmente non si può non menzionare John Ford perché è il più grande rappresentante del genere. Poi ho amato molto Sergio Leone, Peckinpah e Kurosawa che si è cimentato in maniera del tutto personale. Quando mi sono trasferito a Londra invece ho scoperto il talento di Carl Foreman che prima scrisse Mezzogiorno di fuoco e poi venne cacciato da Hollywood per il sottotesto del film.

European+Film+Awards+2008+Press+Room+VN3rCG72GZ_l

Cosa ne rimane invece dell’esperienza del Dogma 95?

Siamo rimasti tutti d’accordo che faremo un altro film quando avremo 70 anni. Lars Von Trier è un mio grande amico ma detesta i western (ride, n.d.r.).

Ha già un altro progetto in cantiere?

Sì, forse è un po’ troppo presto per parlarle ma posso già dirle che sarà un gangster movie.

di Rosa Maiuccaro

Il trailer di The Salvation

https://www.youtube.com/watch?v=HpFzZ1HH6IQ https://www.youtube.com/watch?v=





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto