Il week end al cinema

Il week end al cinema

Dopo le “grandi uscite” delle settimane passate, il week end cinematografico che bussa alle porte non sembra particolarmente “eclatante”, tuttavia…


Dopo le “grandi uscite” delle settimane passate, il week end cinematografico che bussa alle porte non sembra particolarmente “eclatante”, tuttavia non manca qualcosa d’interessante.

Per i romantici ad oltranza il film da scegliere è La fontana dell’amore
(When in Rome) di Mark Steven Johnson (leggi articolo), film ispirato a Three
Coins in the Fountain
(tre soldi nella Fontana), pellicola del 1954 resa celebre anche
dalla canzone omonima cantata da Frank Sinatra.

E’ tratto invece dalla biografia “Keats” di Andrew Motion, Bright Star di Jane Campion. In concorso al festival di Cannes del 2009, il film racconta dell’incontro tra il poeta John Keats ed una studentessa, Fanny Brawne. Ne nasce una vera e propria ossessione d’amore più forte con l’accrescersi delle difficoltà.

Ancora un film presentato a Cannes nel 2009 (sezione Un certain regard), Il padre dei miei figli (Le Père de mes enfants) di Mia Hansen-Løve.
Il film è ispirato agli ultimi giorni della vita del famoso produttore francese Humbert Balsan morto suicida nel 2005 a 50 anni e sonda la tragica morte di un uomo che ha tutto ma che rimane annullato dal fallimento della sua azienda. A completare l’affresco il racconto delle conseguenze che il gesto avrà sulla famiglia.

L’acchiappadenti (Tooth Fairy) di Michael Lembeck; commedia fantasy sulla strana sorte toccata ad un “cattivissimo” giocatore di hockey soprannominato l’acchiappadenti per l’abitudine di infierire su incisivi e canini degli avversari. Per ripagare i suoi danni sarà costretto a svolgere una settimana di duro lavoro come  Fatina dei denti con tanto di ali e bacchetta magica.

Per la serie viva il 3D, domani sarà nelle sale il thriller di Joe Dante The Hole versione tridimensionale.  Tutto comincia quando due fratelli inciampano in un misterioso buco che si trova nel seminterrato della loro
casa. Nell’esplorarlo i due si accorgono che il buco non è altro che il solco fisico del loro inconscio dove si annidano paure e incubi.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto