Il Premio: da stasera, 6 dicembre 2017, in tutti i cinema italiani

Il Premio: da stasera, 6 dicembre 2017, in tutti i cinema italiani

Un viaggio con la famiglia si trasforma in un pretesto per mettere in dubbio le proprie certezze e conoscersi davvero.


A poco più di due settimane da Natale parliamo di viaggi di famiglia. Ma nel film Il Premio, per la regia di Alessandro Gasmann, in uscita oggi, mercoledì 6 dicembre 2017, in tutti i cinema italiani, non si parla di una vacanza. Non è infatti questo il motivo della partenza di Giovanni Passamonte, un Gigi Proietti più in forma che mai, di ritorno sul grande schermo dopo la commedia di Neri Parenti, Ma tu di che segno sei? (2014). Giovanni, scrittore di fama internazionale, è infatti riuscito a farsi insignire dell’agognato premio Nobel. Lo aspetta quindi un bel tragitto sino Stoccolma per presenziare alla cerimonia di premiazione. Tutto perfetto, tranne per il particolare che Passamonte ha paura dell’aereo e non ha nessuna intenzione di arrivare nella capitale della Svezia a bordo di quegli “infernali” abitacoli.

papaleo proietti il premio film

Convince dunque il suo fidato assistente Rinaldo, interpretato da Rocco Papaleo, reduce dal grande successo di The Place, il nuovo film di Paolo Genovese, uscito il 9 novembre scorso, a raggiungere la penisola scandinava prendendo l’autostrada. A loro, inaspettatamente, si uniscono anche i figli di Giovanni, entrambi alla ricerca di una svolta. Il figlio Oreste, ex campione olimpionico e proprietario di una palestra in fallimento, è interpretato da Alessandro Gassmann, qui, come vediamo, nel doppio ruolo di regista e co – protagonista. L’attore in questo 2017 è stato inoltre impegnato nella commedia Beata Ignoranza e ha prestato la voce a Primo Gemito nel film di animazione italiano, Gatta Cenerentola. L’altra figlia di Giuseppe è Lucrezia, personaggio affidato ad Anna Foglietta, che nel 2014 e nel 2016 ha lavorato con il già citato Paolo Genovese nei film Tutta Colpa di Freud e Perfetti Sconosciuti. Lucrezia è una blogger nevrotica e inconcludente, insomma anche per a lei la vita sembra non andare molto bene.

Le tappe (obbligate) di questo impegnativo viaggio diventano però un qualcosa di diverso: un pretesto per rivedere insieme antiche dinamiche familiari e per mettere in discussione le proprie certezze, permettendo a tutti di conoscere veramente se stessi e gli altri.

Il Premio è in tutte le sale cinematografiche italiane da oggi, 6 dicembre 2017. Ma alla fine…arriveranno a Stoccolma?





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto