Grandi magazzini: il kolossal comico italiano stasera su Iris

Grandi magazzini: il kolossal comico italiano stasera su Iris

Va in onda stasera alle 21 su Iris Grandi magazzini (1986), il film diretto da Castellano & Pipolo, con svariati comici italiani…


Va in onda stasera alle 21 su Iris Grandi magazzini (1986), il film diretto da Castellano & Pipolo, con svariati comici italiani attivi negli anni Ottanta. Si seguono diverse vicende che si svolgono all’interno di un grande centro commerciale.

Scorrono di fronte ai nostri occhi le vicende di un direttore molto severo (Michele Placido), un addetto alle pulizie (Enrico Montesano, nell’episodio con Laura Antonelli), un sorvegliante imbranato (Massimo Boldi, nella foto con Sabrina Salerno), un addetto alle consegne con mille problemi (Renato Pozzetto), un mendicante che dispensa allegria all’entrata del supermercato (Lino Banfi), un attore in disarmo che deve registrare uno spot (Nino Manfredi), due truffatori che vogliono spacciare uno di loro per robot (Paolo Villaggio e Gigi Reder), un borgataro che deve spendere una vincita di 500.000 lire (Christian De Sica), un commesso (Claudio Botosso) innamorato di Ornella Muti (se stessa), una cliente che ha perso le lenti a contatto (Heather Parisi).

Di Grandi Magazzini circolano due versioni, anche se stasera dovrebbe andare in onda quella cinematografica che dura sui 110 minuti, non quella integrale da quasi due ore e mezza. Girato presso vari ipermercati tra Roma e Milano, fu concepito a tavolino per capitalizzare sul successo dei comici più in voga, dando anche loro spazio per inventare o reinventare i propri segmenti: fu Banfi a proporre il suo, mentre Villaggio ebbe l’idea di imitare un robot, con la consulenza di David Zed, il mimo di Pronto Raffaella? Manfredi invece subentrò ad Alberto Sordi, che rifiutò la parte proposta.
Grandi magazzini è il primo film nella carriera della ballerina Heather Parisi: il secondo sarebbe arrivato molto dopo, con una piccola partecipazione a Sogno di una notte di mezza estate (1999).





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto