Film, Luc Besson porta in Italia la vita di Aung San Suu Kyi

Film, Luc Besson porta in Italia la vita di Aung San Suu Kyi

Uscirà nelle sale italiane il 23 marzo “The Lady” il film di Luc Besson che ha aperto la passata edizione…


Uscirà nelle sale italiane il 23 marzo “The Lady” il film di Luc Besson che ha aperto la passata edizione del Festival internazionale del film di Roma. Il regista francese in questi giorni si trova in Italia per il consueto tour promozionale; domani a Milano terrà una lezione di cinema all’Anteo, sarà quindi ospite di Fabio Fazio a Che Tempo che fa e lunedì a Roma, per l’anteprima capitolina.

Una presenza che va oltre l’impegno strettamente cinematografico, ”The Lady” è infatti basato sulla storia vera di Aung San Suu Kyi, Premio Nobel per la Pace 1991, candidata alle prossime elezioni politiche suppletive che si terranno in Birmania il primo di aprile. Patrocinato da Amnesty International sezione Italiana, al film si accompagna l’iniziativa Send a message per sensibilizzare l’opinione pubblica italiana a sostegno di questa donna e del suo movimento democratico che da oltre 20 anni combattono contro le limitazioni alle libertà civili e politiche imposte dal regime militare.

Lei, Aung San Suu Kyi, senza neppure riuscire a vedere l’opera inviò un messaggio al festival capitolino: “Guai ad accantonare, considerandoli obsoleti, concetti come verità, giustizia e solidarietà: sono gli unici baluardi contro la brutalità del potere”. Come quello del suo Paese che gli offrì la possibilità di ricongiungersi con la sua famiglia in Inghilterra, ma a un costo altissimo. “Che libertà è quella che mi viene offerta – è la battuta centrale  – se so già che, una volta partita,  non potrò mai tornare a casa?”.

A indossare gli eroici abiti di questa donna dall’aspetto minuto è la diva cinese-malese Michelle Yeoh, già modella e bond-girl, nonché moglie di Jean Todt, già direttore generale della Ferrari e attuale presidente della federazione internazionale degli sport automobilistici che per l’occasione  è diventato “produttore associato”.

Jean Todt, Michelle Yeoh e Luc Besson sul red carpet del festival di Roma




COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto