Film. Littizzetto, Papaleo e un figlio dalle doti “ingombranti”

Film. Littizzetto, Papaleo e un figlio dalle doti “ingombranti”

Il cinema italiano ultimamente sembra capace di produrre solo commedie (tranne eccezioni) e per lo più destinate al consumo interno…


Il cinema italiano ultimamente sembra capace di produrre solo commedie (tranne eccezioni) e per lo più destinate al consumo interno visto che le possiamo capire solo noi tanto legate sono all’espressività del dialetto e in genere alle “cose di casa nostra”. La novità di E’ nata una star? film di Lucio Pellegrini in sala da venerdì 23 marzo, con Luciana Littizzetto, Rocco Papaleo e il figlio d’arte Pietro Castellitto è che si tratta della prima commedia all’inglese girata sul suolo nazionale.

Tratta dal racconto di Nick Hornby, scrittore che al cinema ha fornito già molto materiale (High Fidelty, About a Boy An Education, tra gli altri) la storia di due genitori che scoprono che il figlio ha girato un film porno grazie alle generose dotazioni naturali di cui è fornito ha fatto breccia sulla Littizzetto che ne ha acquistato i diritti.

 

Ambientato a Torino, il film vuole essere soprattutto un racconto sull’incapacità di comunicare. Due genitori ignari delle dotazioni filiali, e la difficoltà di padre, madre e figlio di trovare una mediazione accettabile. Il padre che si lascia suggestionare dall’idea che certe doti siano ereditarie, e dunque fatte le dovute proporzioni, sospetta che quel figlio superdotato possa non essere suo; la madre, che con buona volontà cerca di dare un senso a quel che gli è capitato e un figlio, che il senso della cosa l’ha smarrito, se mai l’ha posseduto.

Insomma, pene e porno sono solo un pretesto, assicura il regista. Ma senza pene e porno non si riderebbe, neppure all’inglese.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto