Festival di Cannes, ultimi fuochi

Festival di Cannes, ultimi fuochi

Ultimo giorno di concorso al Festival di Cannes, di scena re Polanski e le icone Kim Novak e Alain Delon


L’Hanno da tempo battezzata fidanzata di Francia, l’attrice premio Oscar Marion Cotillard è stata la signora assoluta del red carpet, il film di James Gray The Immigrant è stato ben accolto sia dalla stampa sia dal pubblico del Grand Palais ed apprezzata l’interpretazione della Cotillard, nel ruolo innocente e torbido assieme di una giovane polacca corretta a prostituirsi nella New York di cento anni fa. Il regista  con questo film ha dato forma ai suoi ricordi, alle sue origini di famiglia di ebrei russi immigrati proprio in quegli anni “e oggi come 100 anni fa il sogno, le difficoltà e i pregiudizi sono gli stessi“, ha detto.

Oggi in concorso forse  il film più atteso Venere in pelliccia di Roman Polanski, film ispirato al celebre romanzo erotico di Leopold von Sacher-Masoch. Al regista franco-polacco gli avevano già attribuito al Palma d’oro ancora prima che il festival cominciasse, un premio alla fiducia che potrebbe essere smentito. Grandi apprezzamenti dalla stampa per Only Lovers Left Alive, il film “vampirismo” di Jim Jarmusch in proiezione ufficiale oggi con un bel cast (Tom Hiddleston, Tilda Swinton, Mia Wasikowska, John Hurt).

La sezione Cannes Classic gioca le ultime due, straordinarie carte con Kim Novak e Alain Delon. La bionda icona di Alfred Hitchcock interverrà per la festa di Vertigo, uno dei film più riusciti del regista inglese, fresco di restauri. Un’altra icona, Delon, sarà invece sulla Croisette per la proiezione di Delitto in pieno sole, il film tratto dal romanzo di Patricia Highsmith, Il talento di Mr. Ripley, che nel 1960 gli aprì la via del successo mondiale, poco prima di Rocco e i suoi fratelli. (a.d)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto