Fabio Volo “avvocato” nel film “Studio illegale”

Fabio Volo “avvocato” nel film “Studio illegale”

Fabio Volo indosserà i panni di Andrea Campi, giovane avvocato della sede lombarda di un prestigioso studio legale internazionale. Si…


Fabio Volo indosserà i panni di Andrea Campi, giovane avvocato della sede lombarda di un prestigioso studio legale internazionale. Si sta girando, tra Torino, Milano e Dubai, il nuovo film di Umberto Carteni: “Studio illegale”. Le riprese si protrarranno complessivamente per otto settimane. La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di Federico Baccomo: il libro, uscito nel 2009 per i tipi di Marsilio, fu un autentico caso editoriale.

 

Lo stesso Carteni ha già firmato “Diverso da chi?” con Claudia Gerini e Luca Argentero. Stavolta nel cast ci sono , fra gli altri, Ennio Fantastichini (nella parte del professionista più anziano e cinico fra quelli che lavorano con Campi) e la francese Zoè Felix. Il lungometraggio dipingerà vizi e virtù degli avvocati d’affari al top. Inizialmente l’esistenza del personaggio interpretato da Volo ha i caratteri della normalità.

 

Serio, ambizioso, ha tanti amici e una fidanzata. Ma a poco a poco per lui le cose cambiano. Pur di fare carriera, inizia a rimanere in ufficio quotidianamente sino a notte fonda per poi tornarvi poco dopo l’alba: così la sua vita sociale si azzera. Si riduce a parlare con i muri della sua casa, dove al suo rientro distrutto dalla fatica trova solo un bonsai, e a mangiare nient’altro che insalatine nelle vaschette di plastica, pizza e sushi. Naturalmente sulla scrivania.

Le sue giornate scorrono  tra brevi pause alla macchinetta del caffè, riunioni fiume e preparazione di contratti. Sino a quando, all’improvviso, viene coinvolto in un progetto particolarmente delicato, uno dei più importanti del suo studio specializzato in operazioni societarie per conto di autentici colossi industriali.

Le sue responsabilità in un amen si moltiplicano, così come le sfuriate del suo capo. Il nuovo incarico, tra un susseguirsi di tragicomiche disavventure, rappresenterà l’inizio di un turbine di eventi e d’incontri che sconvolgerà per sempre la sua vita. Tra un privato sempre più a rotoli e un disastro lavorativo incombente, Campi deciderà di fare i conti con la propria vita.

Studio illegale” si annuncia esilarante, dissacrante e ironico. E, tra l’altro, anche la nuova opera di Baccomo, “La gente che sta bene”, potrebbe presto approdare sul grande schermo. (Marco Fornara)

 

La foto di testa è di Elena Torre from Viareggio, Italia





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto