Crialese ritira il premio Pasinotti e spera negli Oscar

Crialese ritira il premio Pasinotti e spera negli Oscar

“La candidatura agli Oscar? Certo che ci spero… La speranza di essere prescelto è forte, sarebbe meraviglioso”: così Emanuele Crialese…


La candidatura agli Oscar? Certo che ci spero… La speranza di essere prescelto è forte, sarebbe meraviglioso”: così Emanuele Crialese alla vigilia della decisione sulla designazione del candidato italiano alla “cinquina” del miglior film straniero, in arrivo domani, tra gli otto titoli indicati per rappresentare il cinema italiano agli Academy Awards.

L’occasione per un incontro con il regista, i protagonisti del suo film Filippo Pucillo e Beppe Fiorello, alla Casa del Cinema dove Crialese è stato festeggiato anche dai produttori di Terraferma, ricevendo dai giornalisti cinematografici il Premio Francesco Pasinetti: “Un riconoscimento del quale sono sinceramente dichiarazione sono onorato” ha detto “perché è un premio storico ma soprattutto perché viene dai giornalisti”.

Il Sngci ha infatti segnalato Terraferma, miglior film, quest’anno, tra tutti gli italiani presentati all’ultima Mostra di Venezia.

Un premio “Perché tra cronaca autentica e racconto epico, tra realismo e poesia mette a fuoco, con splendide immagini e un cast eterogeneo di particolare forza espressiva, un capitolo di quotidianità che è già Storia dei nostri tempi, andando oltre la terra degli sbarchi, con un messaggio universale di solidarietà”.

Entusiasti anche Filippo Pucillo, il giovane protagonista lampedusano del film e Beppe Fiorello che in Terraferma ha lavorato intensamente incarnando l’altra faccia dell’isola dei pescatori e delle tradizioni, nel miraggio dei soldi più facili con il turismo.

Il film è prodotto da Cattleya e Rai Cinema in collaborazione con Sensi/Cinema-Regione Sicilia; grande soddisfazione anche dai produttori presenti alla premiazione Marco Chimenz (Cattleya), Carlo Brancaleoni (Rai Cinema) e Alberto Versace (Sensi/Cinema – Regione Sicilia).

Terraferma, che a Venezia ha conquistato il Gran Premio della Giuria e che è stato accolto da applausi scroscianti al festival di Toronto,  presto volerà al Rio Cine Festival e al London Film Festival.

Per andare agli Oscar dovrà battere la concorrenza di: CORPO CELESTE di Alice Rohrwacher, HABEMUS PAPAM di Nanni Moretti, NESSUNO MI PUÒ’ GIUDICARE di Massimiliano Bruno, NOI CREDEVAMO di Mario Martone, NOTIZIE DEGLI SCAVI di Emidio Greco, TATANKA di Giuseppe Gagliardi,  VALLANZASCA – GLI ANGELI DEL MALE di Michele Placido.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto