Cinema Una notte in giallo – Elizabeth Banks citata in giudizio per il furto del copione

Cinema Una notte in giallo – Elizabeth Banks citata in giudizio per il furto del copione

Una notte in giallo è al cinema da oggi, 24 luglio, ma la sua star Elizabeth Banks e il marito sono stati portati in tribunale da alcuni produttori per il furto di un copione


In Una notte in giallo, al cinema da oggi 24 luglio, Elizabeth Banks ne passa di tutti i colori con addosso il suo tubino giallo iper aderente, e viene persino inseguita dalla polizia. Ma anche nella vita reale la Banks ne ha combinata una grossa ed è stata accusata di furto da un produttore di una compagnia cinematografica indipendente. Lei e il marito, il produttore  Max Handelman della Brownstone Productions, avrebbero scippato l’idea del film dopo un meeting avvenuto nel 2007, come riporta The Hollywood Reporter.

Dan Rosen, produttore presso la casa Shame on you, autrice di The Last Supper e Freeloaders, ha recentemente denunciato Elizabeth Banks e marito in occasione dell’uscita mondiale di Una notte in giallo (Walk of Shame in originale). La coppia venne contattata 7 anni fa da Rosen per un colloquio riguardante un progetto cinematografico. Il film si chiamava Darcy’s Walk of Shame. Dopo 3 ore di colloquio i due sono usciti dalla stanza senza riconsegnare il copione.

Oggi a distanza di anni, ecco che esce un film praticamente identico con la Banks protagonista. Adesso Rosen vuole portare in tribunale diverse persone: il regista Steven Brill, la Focus World, Sidney Kimmel Entertainment, FilmDistrict e Lakeshore Entertainment a parte i due interessati per violazione del copyright.

La risposta della Lakeshore è stata perentoria, sostenendo che la produzione e l’ideazione del film era nata ben prima del casting di Elizabeth Banks. Per di più Banks e Handelman non hanno in alcun modo prodotto Una notte in giallo. E’ quindi solo una coincidenza e Rosen non potrà farci niente in tribunale? Staremo a vedere e vi terremo aggironati.

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo su Facebook e su Twitter con i tuoi amici, utilizzando i bottoni qui sotto.

Luca Fallati





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto