Cannes 2012: Matthias Schoenaerts è il nuovo sex symbol del cinema

Cannes 2012: Matthias Schoenaerts è il nuovo sex symbol del cinema

Un attore, un film e una storia che sicuramente vi faranno innamorare. Ecco uno dei tre film francesi in concorso a Cannes


Un attore sconosciuto o quasi. Un attore belga che già si è fatto notare a Cannes grazie alla sua intensa interpretazione nel film De rouille et d’os del regista Jacques Audiard (Il Profeta).

Matthias Schoenaerts interpreta Alain un padre single e disoccupato che per guadagnare un po’ di soldi si occupa di organizzare combattimenti clandestini. La sua vita subirà un’inaspettata svolta quando il suo destino incontrerà quello di Stéphanie – una superba Marion Cotillard -, una bellissima ragazza che a causa di un incidente sul lavoro ha perso le gambe, o meglio parte di esse: dalle ginocchia in giù.

Due vite soffrenti che si incrociano, due storie che procedono parallele sino ad incastrarsi, due personaggi a cui gli spettatori inevitabilmente si affezioneranno. La pellicola è ispirata alla raccolta di racconti di Craig Davidson Ruggine e ossa. A parlare di questo toccante film ci pensa proprio Matthias Schoenaerts che lo descrive così:

“Questa è una storia di riconciliazione: tra uomo e donna, padre e figlio, fratello e sorella, uomini e animali”

Semplice. Diretto. Azzeccato. Ecco un film e un attore di cui sentiremo parlare ancora per un bel po’.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto