Baarìa: sindrome da colossal per il film di Tornatore?

Baarìa: sindrome da colossal per il film di Tornatore?

Un film costruito per piacere agli americani, che cade nello stereotipo e che fa un uso eccessivo di attori vip….


Un film costruito per piacere agli americani, che cade nello stereotipo e che fa un uso eccessivo di attori vip. E’ un film che sembra commentare l’onnipresente colonna sonora di Morricone, e non il contrario, e ancora, pellicola dai toni magniloquenti e con una fotografia soffocante per i colori esasperati. E’ comunque commovente. Sono solo alcune delle critiche che questa mattina la stampa ha riversato su Baarìa di Giuseppe Tornatore, film d’apertura della Mostra del Cinema di Venezia e troppo atteso per non suscitare reazioni forti. Applausi in sala Grande, davati ad un pubblico formato da amici e amici degli amici, reazioni gelide alle due proiezioni della stampa che hanno preceduto quella ufficiale. Silvio Berlusconi (il film è coprodotto da Medusa) comunque lo ha già definito un “capolavoro”, piaccia o meno a Tornatore che pare intanto essersi già prenotato per la partecipazione agli Oscar.

E tra contestazioni, mondanità, guerre televisive dichiarate e non,  con il condimento delle chiacchiere di sempre il festival gira la prima pagina…





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto