Audrey e Roma, un amore ricambiato

Audrey e Roma, un amore ricambiato

L’icona insuperabile di bellezza ed eleganza, l’attrice, la donna, l’ambasciatrice Unicef. A 50 anni da Colazione da Tiffany  e in…


L’icona insuperabile di bellezza ed eleganza, l’attrice, la donna, l’ambasciatrice Unicef. A 50 anni da Colazione da Tiffany  e in contemporanea con il Festival Internazionale del Film di Roma, la  capitale celebra Audrey Hepburn, attraverso una mostra di scatti inediti, video e oggetti personali.

Dal 26 ottobre al 4 dicembre 2011 al Museo dell’Ara Pacis ( www.arapacis.it ).

 
Alla bellezza di Audrey (www.audreyhepburn.com) solo Roma poteva offrire cornice adeguata, e la città finì per farsi adottare dalla sua stella. In 25 anni, Audrey ha vissuto a Roma momenti cruciali della sua carriera artistica, da Vacanze romane e Guerra e pace a La storia di una monaca (l’opera di Fred Zinnemann, la prima che girasse a colori e che rimarrà la sua prediletta) e qui ha vissuto molti anni di vita familiare, a stretto contatto con la città e con i suoi abitanti.

Ripercorrendo questa grande storia d’amore, la mostra servirà a raccogliere fondi per il progetto di lotta alla malnutrizione infantile sostenuto dal Club Amici di Audrey per UNICEF. Era questo l’altro grande impulso di Audrey, occuparsi dei bambini, a loro ha dedicato una parte importantissima della sua vita in qualità di Ambasciatrice di buona volontà. Commuovono ancora quelle immagini scattate in Bangladesh, Vietnam, Somalia, Sudan, Etiopia, America Latina nelle quali trapela tutta l’empatia.

La mostra è curata dal secondo figlio della star, Luca Dotti, con Ludovica Damiani, Sciascia Gambaccini, Guido Torlonia e la consulenza di Sava Bisazza Terracini.

Una selezione di scatti inediti, quasi “rubati” – provenienti dagli archivi di Reporters Associati, Photomasi, Istituto Luce e Kobal Collection – colgono Audrey Hepburn in momenti di vita quotidiana nella città. E mentre didascalie, testi e grafica ripercorreranno il personale ricordo del rapporto tra Audrey e Roma, un video inedito rivelerà al pubblico momenti della sua vita privata lontana dalle scene.

Ricordate il leggendario tubino nero che Audrey indossava in Colazione da Tiffany? Lo firmò Givenchy e si può dire che cambiò per sempre la storia della moda. Ben oltre andò lo “stile Audrey” influenzando stilisti e intere generazioni di donne, ma pure rimanendo ineguagliato. E allora eccn gli abiti, e gli accessori, che maestri della moda come  lo stesso Givenchy o Valentino hanno realizzato ispirandosi a lei e ancora, gli abiti indossati dalla minuta e delicatissima Audrey nella vita di tutti i giorni.

Audrey a Roma è un’esposizione promossa da Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale, Audrey Hepburn Children’s Fund e UNICEF con il Club “Amici di Audrey”, organizzazione e servizi museali di Zètema Progetto Cultura

 

AUDREY HEPBURN - A passeggio per via Bissolati, Roma - 1968 Elio Sorci © Camera Press/Photomasi

 

 

AUDREY HEPBURN - Roma - 1960 Pierluigi Praturlon © Reporters Associati
AUDREY HEPBURN SUL SET DEL FILM “GUERRA E PACE” - 1955 Pierluigi Praturlon © Reporters Associati




COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto