“Antonio+Silvana=2”, un film straordinario

“Antonio+Silvana=2”, un film straordinario

Ci sono storie che aprono il cuore, e il romanzo di Antonio e Silvana è tra queste


Gli ascolti non ci è dato conoscerli, ma ieri sul canale Rai Storia, dalle undici a mezzanotte, è andato in onda un documentario assolutamente fuori dagli schemi commovente e deliziosamente realistico. “Antonio+Silvana=2” di Vanni Gandolfo, Simone Aleandri e Luca Onorati. La narrazione è scarna ma efficace: la telecamera segue ogni giorno Silvana documentando il suo folle amore per Antonio che lei testimonia scrivendo frasi infantili sui muri. Antonio Catalini e Silvana Basile sono persone semplici, lui è più anziano di lei di quasi vent’anni e hanno alle spalle una convivenza interrotta a causa della folle gelosia della donna.  Da allora lui si è rintanato in un ospizio a Trastevere e ha deciso di troncare con Silvana. Ma accade che per tre anni, ogni giorno, Silvana si reca nella strada che affaccia di fronte alla finestra di Antonio e, munita di pennarelli, ritagli di giornale e nastro adesivo, dà vita sulle mura dei palazzi a quello che lei stessa definisce “un romanzo d’amore“. Silvana ha una personalità infantile, ma ciò che emerge con forza dal racconto è la potenza del suo amore, che alla fine trionfa. Una favola metropolitana di una donna che, forse, per strada guarderemmo con disgusto perché trasandata, sporca …   Antonio+Silvana=2, che è una delle tante scritte di Silvana sui muri, affascina e commuove per il modo folle di Silvana di testimoniare il suo amore per Antonio, ricordandoci però che il grande amore non può che essere folle. (Virginia Zullo)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto