Al cinema nel week end

Al cinema nel week end

Sei film in uscita, domani nelle sale italiane. E un week end intrigante s’affaccia, per cinefili e non. I titoli…


Sei film in uscita, domani nelle sale italiane. E un week end intrigante s’affaccia, per cinefili e non. I titoli sono vari e si ride molto. Oppure si ride e si piange assieme come ne La versione di Barney, per saperne di più vi rimandiamo al’articolo già pubblicato (clicca qui). Risate assicurate anche per Vi presento i nostri (clicca qui), terzo episodio della saga dei Fokers con un cast stellare. In basso una nuova esilarante clip.

Miglior film all’ultimo Festival di Roma, da domani in sala Kill me please di Olias Barco, opera che affronta il tabù della morte e del suicidio con leggerezza e ironia.

Il sogno del dottor dottor Krueger  è portare avanti l’idea che darsi la morte non debba più essere considerata una sciagura, ma un atto consapevole da adempiere con adeguata assistenza medica. Così nella sua esclusiva clinica tra le montagne ecco apparire un gruppo di strani personaggi pronti a farla finita: chi ha perso tutto al gioco, chi ha un male incurabile, chi ha manie autolesioniste, chi semplicemente non intravede più alcun futuro e chi cela sordidi segreti. Sanno loro a decidere quando morire o sarà la morte a decidere per loro?

L’orso più amato d’ogni tempo, Yoghi, e il suo fido compagno Bubu, arrivano sul grande schermo in versione 3d. Il film neozelandese diretto da Peter James “L’Orso Yoghi” assegna ai famosi personaggi  di Hanna & Barbera un compito straordinario: aiutare il Ranger Smith a salvare il parco di Yellowstone dalla chiusura.

Un thriller fantascientifico: Skyline di Greg Strause e Colin Strause. La minaccia aliena si manifesta attraverso raggi di luce che attirano irresistibilemnte la gente, facendola scomparire. Un gruppo di giovani tenterà di opporsi e sopravvivere a quest’arma che rischia di cancellare definitivamente l’umanità dal pianeta.

Chiude la rassegna Un giorno della Vita, film di Raffaele Papasso con: Maria Grazia Cucinotta, Alessandro Haber, Pascal Zullino, Ernesto Mahieux, Mia Benedetta, Domenico Fortunato, Daniele Russo, Nando Irene, Massimo Sorrentino, Matteo Basso, Francesca D’Amico.

Basilicata 1964, la passione di Salvatore per il cinema è tanto forte che per assecondarla a 12 anni finisce in riformatorio. Ogni giorno è una lotta per il ragazzo e la sua storia d’amore col cinema: l’ostilità del padre, i chilometri in bici per poter andare al cinema nel paese vicino. Quando Salvatore verrà a sapere della vendita di un vecchio proiettopre 16 millimetri, s’innamora dell’idea di poter aprire un cinema anche nel suo paese, peccato che non abbia soldi. Il giovane “rimedia” sottraendo alle casse della sezione del Partito comunista i soldi raccolti tra i militanti per inviare una delegazione ai funerali di Togliatti…





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto