Al cinema nel week end

Al cinema nel week end

Interessante week end, quello che bussa alle porte delle sale cinematografiche. Candidato a tre premi Oscar (miglior film, miglior attrice…


Interessante week end, quello che bussa alle porte delle sale cinematografiche.

Candidato a tre premi Oscar (miglior film, miglior attrice – Carey Mulligan-, miglior sceneggiatura non originale), An Education di Lone Scherfig approda nelle sale italiane.
Un cast di tutto rispetto (con la Mulligan, Peter Sarsgaard, Alfred Molina, Cara Seymour, Matthew Beard, Dominic Cooper, Rosamund Pike, Emma Thompson, Olivia Williams) per una storia di sentimenti che si dipana nella Londra dei primi anni ’60. Jenny ha 16 anni, sognatrice, bella ed intelligente incontra David che ha quasi il doppio della sua età. L’uomo non tarda a conquistare la ragazza e i suoi genitori, due conservatori che affascinati, mettono da parte la differenza di età e il fatto che lui sia ebreo.

A coloro che hanno amato “Train de vie” l’unico consiglio possibile è fare di tutto per trovare la sala dove danno l’ultima creatura di Radu Mihaileanu, “Il concerto”, film di agrodolce ironia sui perdenti e sulla capacità umana di risorgere, in qualche modo. Come nel capolavoro “Train de vie”, al centro della trama c’è un imbroglio.
“All’epoca di Brežnev, Andreï Filipov è il più grande direttore d’orchestra dell’Unione Sovietica e dirige la celebre Orchestra del Bolshoi. Ma viene licenziato all’apice della gloria quando si rifiuta di separarsi dai suoi musicisti ebrei, tra cui il suo migliore amico Sacha. Trent’anni dopo lavora ancora al Bolchoi, ma…come uomo delle pulizie. Una sera Andreï si trattiene fino a tardi per tirare a lustro l’ufficio del direttore e trova casualmente un fax indirizzato alla direzione del Bolshoi: è del Théâtre du Châtelet che invita l’orchestra ufficiale a suonare a Parigi… All’improvviso, Andreï ha un’idea folle: riunire i suoi vecchi amici musicisti, che come lui vivono facendo umili lavori, e portarli a Parigi, spacciandoli per l’orchestra del Bolshoi. E’ l’occasione tanto attesa da tutti di potersi finalmente prendere una rivalsa…”. Si promettono risate a scena aperta.

Si cambia decisamente genere con Paranormal Activity di Orel Peli, film low cost (è stato girato con un budget di soli 15mila dollari) sul brivido dell’inspiegabile. Protagonisti Katie e Micah, una  giovane coppia, ed un appartemento dove avvengono fatti inquietanti.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto