50 sfumature rimosso dalle biblioteche russe; E. L. James non è Dostoevskij

50 sfumature rimosso dalle biblioteche russe; E. L. James non è Dostoevskij

La Russia elimina la serie “50 sfumature” dalle biblioteche preferendo i lettori di vera letteratura a quelli di romanzetti discutibili


Ecco che finalmente qualcuno “si sveglia” e agisce in nome di grandi scrittori, quelli che hanno fatto la storia della letteratura.

L’assessorato della cultura della capitale russa ha deciso di eliminare tutti i libri della serie 50 sfumature dell’autrice E. L. James dagli scaffali delle biblioteche del paese. L’agenzia di stampa russa (TASS) e il capo del Dipartimento di Cultura di Mosca, Alexander Kibovsky, dichiarano che la revisione dei titoli non include una censura, ma un tentativo di ripristinare tra la gente il vero senso di bellezza e di professionalità.

I grandi autori della storia della letteratura russa come Fëdor Dostoevskij e Lev Tolstoj, non possono essere assolutamente paragonati a E. L James o diventare solo un vecchio ricordo per il popolo della Russia. L’assessorato della cultura tenta di aggiustare in qualche modo il grande calo di vendite di romanzi storici e di vera letteratura russa: <<la gente non viene più in biblioteca, ma è meglio avere una persona che legge Dostoevskij piuttosto che dieci persone che scelgono una letteratura alquanto discutibile>>.

 

(v.c.)

 

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto