50 sfumature di grigio: ecco perché Charlie Hunnam ha rinunciato a Christian Grey

50 sfumature di grigio: ecco perché Charlie Hunnam ha rinunciato a Christian Grey

L’abbandono dell’attore ha fatto molto scalpore


Sul web non si fa altro che parlare di “50 sfumature di grigio”, il film che porterà sui grandi schermi le avventure erotiche di Christian Grey e Anastasia Steele, i due celebri protagonisti dei romanzi di E. L. James.
Dal momento stesso in cui si è diffusa la notizia che sono stati acquistati i diritti cinematografici per la trasposizione del primo libro componente la trilogia erotica, sono iniziati i toto-nome, in cui i fan propongono i loro attori preferiti quali possibili interpreti della pellicola.

Tantissimi sono i nomi scelti dagli amanti delle sfumature, tra cui bisogna ricordare Matt Bomer e Ian Somerhalder per il ruolo di Christian Grey, o Alexis Bledel ed Emila Clarke per vestire i panni di Anastasia Steele.
Dopo una lunga ed estenuante attesa, la produzione ha finalmente annunciato la scelta: Charlie Hunnam e Dakota Johnson sono stati i fortunati attori selezionati per i due ambiti ruoli.

Ma il futuro Christian Grey non ha resistito a lungo, decidendo di abbandonare il cast a pochi giorni dall’inizio previsto delle riprese.
Charlie Hunnam ha detto soltanto che i suoi precedenti impegni lavorativi gli impedivano di girare anche questa pellicola.
Sul web sono stati in moltissimi a mettere in discussione queste motivazioni, immaginando invece che dietro ci fosse una ben precisa scelta della produzione, che avrebbe congedato Charlie per la pubblicità negativa che ha portato al film.

L’attore infatti non è stato molto apprezzato dal pubblico, ritenuto da molti assolutamente inadatto al ruolo del bel miliardario a capo di un’azienda di grande successo.
Nonostante tutte le illazioni però, sembra che il motivo reale sia proprio l’eccessivo carico di lavoro: Charlie Hunnam è molto impegnato sul set dell’ultima stagione di “Sons of Anarchy”, dove interpreta il protagonista Jackson Teller.

Stando alle recenti dichiarazioni di Michael De Luca, uno dei produttori del film, la necessaria trasformazione fisica e psicologica dal motociclista ribelle Jax al distinto Mr. Grey avrebbe richiesto troppo tempo.
Lo stesso Charlie Hunnam sembra abbia dichiarato, seppur a malincuore visto il suo interesse a partecipare alla pellicola, di non voler essere “l’artefice di un film deludente”.
Al posto di Hunnam è stato successivamente selezionato Jamie Dornan, che affiancherà Dakota Johnson nel film che vedrà la luce negli States solo il 14 febbraio del 2014. (g.s.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto