E’ danese il miglior ristorante del mondo. Primo degli italiani Bottura (sesto)

E’ danese il miglior ristorante del mondo, il Noma, del giovane chef Renè Redzepi.Situato in un vecchio deposito adeguatamente convertito…


E’ danese il miglior ristorante del mondo, il Noma, del giovane chef Renè Redzepi.Situato in un vecchio deposito adeguatamente convertito del porto di Copenaghen propone una cucina sofisticata che alla creatività unisce il rispetto degli ingredienti. E’ questa la prima novità dei “San Pellegrino World’s 50 Best Restaurant Awards“, assegnati dalla rivista britannica Restaurant e consegnati ieri sera a Londra. Dopo anni di predominio El Bulli di Ferrain Adrià scende dunque al secondo posto anche se i cuochi spagnoli conquistano tre posizioni dele prime cinque con un quarto posto a El celler de Can Roca e un quinto a Mugaritz; terzo (l’anno scorso era secondo) l’inglese The Fat duck di Heston Blumenthal.

E passiamo agli italiani, cinque in tutto (nel 2009 erano sei) con Massimo Bottura (L’Osteria francescana) ad aprire la sfilata con un ottimo sesto posto (nel 2009 era 13mo); al 20mo posto troviamo Le Calandre, risalito di ben 29 posizioni. 35mo Combal Zero (più sette) e 36mo Dal Pescatore (più dodici) e per finire una new entry annunciata, Paolo Lopriore (Il Canto de la Certosa di Maggiano).

Cracco, l’anno scorso nella top 50 è invece finito nella seconda parte della lista (dal 51mo al 100); è  71mo con l’Enoteca Pinchiorri all’87mo e La Pergola al 97mo.

Curiosità finale: per 8 a 6 si la gara tra USA e Francia della top 50 vede vincitori gli chef stellestrisce; seguono Spagna e Italia con 5 ristoranti a testa.





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto