Curiosità enologiche: il Koshu, vino made in Japan approda nel vecchio Continente

Curiosità enologiche: il Koshu, vino made in Japan approda nel vecchio Continente

Il vino giapponese alla conquista dell’Europa entro il 2010. Si chiama Koshu, è prodotto da un vitigno che da mille…


Il vino giapponese alla conquista dell’Europa entro il 2010. Si chiama Koshu, è prodotto da un vitigno che da mille anni è coltivato nella Prefettura di Yamanashi e costerà circa 90 euro a bottiglia. A decidere il grande salto verso il mercato europeo è stata la Koshu Association of Japan (KOJ), sodalizio di una quindicina di viticoltori andati lo scorso gennaio in avanscoperta a Londra, raccogliendo con una serie di eventi e degustazioni diversi consensi positivi.
Bianco chiarissimo, leggero (circa 10 gradi) poco acido, fresco, dal sapore fruttato con sentori di agrumi e pesca, il vino Koshu sembra adattarsi perfettamente alla cucina giapponese e ad una cucina salutare fatta di pesce, frutti di mare e verdure fresche. E così lo servono gli chef stellati di Tokyo.
Sono un’ottantina le cantine sorte all’ombra del monte Fuji proseguendo una tradizione cominciata nel XIX secolo, quando la Dainippon Wine Co., la prima cantina sorta nella zona, inviò due giovani in Francia ad apprendere l’arte della vinificazione. Da quel momento i viticoltori hanno lavorato per migliorare la qualità dei loro nettari e, dopo la fine della seconda guerra mondiale, la produzione è cresciuta in maniera esponenziale. L’uva Koshu è il vitigno autoctono più importante del Giappone, sviluppatosi da uve che viaggiavano un migliaio di anni fa lungo la Via della Seta dal Caucaso, alla Cina,  al Giappone.
Nella Prefettura di Yamanashi, dominata dalla mole imponente del Fujiama, il vitigno ha trovato le condizioni ideali per la sua proliferazione: forti escursioni climatiche, lunghi giorni di sole estivo e ben drenate terre vulcaniche.

Adesso resta da chiedersi chi spenderà 90 euro per un vino sconosciuto quando con la stessa cifra, ed anche con molto meno, si possono acquistare grandi etichette europee. Per saperne di più: http://koshuofjapan.com





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto