Torna l’ora legale da domenica 31 marzo, il parere degli esperti

Torna l’ora legale da domenica 31 marzo, il parere degli esperti

Nella notte tra il 30 ed il 31 marzo, dovremo tirare le lancette avanti di un’ora


Dormiremo un’ora in meno a Pasqua. Infatti, nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo, dovremo posizionare le lancette dei nostri orologi un’ora avanti, dalle 2.00 alle 3.00 di notte. Le giornate diventeranno più lunghe ed avremo un notevole risparmio energetico nelle ore serali.

Già nel lontano 1784, Benjamin Franklin ipotizzò questa idea sul quotidiano Journal de Paris ma le sue teorie non trovarono seguito. Nel 1907, il costruttore britannico William Willet riprese le sue idee e, viste le nuove esigenze economiche in seguito alla Prima Guerra Mondiale, la Camera dei Comuni di Londra diede il via al British Summer Time con lo spostamento di un’ora avanti nel periodo estivo.

Tuttavia ci sono dei pro e dei contro. Chi ama fare sport all’aria aperta e le attività di commercio al dettaglio, così come le persone serotine – coloro che vanno a letto tardi e si alzano senza alcuna fretta – si adattano prima al cambiamento. Ne risentiranno invece le persone mattiniere, chi soffre d’insonnia e coloro che lavorano nell’ambito dell’intrattenimento che vedranno scemare il pubblico sia in tv che dal vivo.

Gli esperti avvertono che con l’introduzione dell’ora legale, andando a modificare il cosiddetto “ritmo circadiano”, ossia il ciclo di 24 ore dei nostri processi biologici, potrebbero insorgere alcuni effetti collaterali. Sbalzi di umore e disturbi del sonno sono abbastanza frequenti e possono portare a problemi di concentrazione, irritazione e, in alcuni casi, depressione.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto