Tiziano Ferro: ‘Dichiararsi omosessuale non rovina la carriera’

Tiziano Ferro: ‘Dichiararsi omosessuale non rovina la carriera’

Tiziano Ferro non ha mai avuto paura di fare coming out, così come è consapevole che il suo pubblico sia…


***image_caption***
Tiziano Ferro non ha mai avuto paura di fare coming out, così come è consapevole che il suo pubblico sia composto in prevalenza da donne. L’artista ha deciso di confidarsi al settimanale Vanity Fair, facendo un bilancio della sua vita e fornendo la propria visione del mondo su diversi temi, alcuni dei quali legati al mondo gay.
“Perché un musicista può essere sciupafemmine, ma non gay? Chi l’ha detto? Perché un cantante paparazzato ogni volta con una modella diversa è un figo? Sono cliché, stronzate da cui bisogna uscire. E quando decidi che non ha senso seguire queste “regole”, ti rendi conto che la gente è disposta ad ascoltarti e che capisce. Lo dico sempre a quegli amici, e ce ne sono ancora tanti, convinti che nel loro ambiente, per il loro tipo di carriera, dichiararsi omosessuali sia un handicap” ha dichiarato Ferro, che secondo i rumors sarebbe tornato di nuovo single.
Tiziano, poi, non è per niente stupito di avere un pubblico in prevalenza femminile. “Hanno più forza di volontà e persino fisica, quando è necessario. Mi fido più delle donne che degli uomini, ho più amiche che amici maschi. Praticamente io, a parte il mio manager, lavoro solo con donne. Il mio pubblico è soprattutto femminile? Dico la verità, non mi stupisce affatto”.
“Da noi la mentalità patriarcal-religiosa ha un fan club bello numeroso e temo che ci vorranno parecchi ricambi generazionali prima che succeda qualcosa. Per fortuna, però, le persone vanno avanti lo stesso: mettono su casa, convivono, fanno figli, conosco donne single che sono andate in Francia per congelare gli ovuli e garantirsi la possibilità, un giorno, di avere un bambino. Allargare il concetto di famiglia, e non parlo solo dei gay, darebbe anche più libertà alle donne… Senza contare che dare un posto nel mondo a chi già esiste sarebbe un vantaggio in generale” ha concluso l’interprete di Latina a proposito delle unioni gay, per le quali l’Italia è stata condannata dalla Corte di Strasburgo.





COMMENTI
Vedi tutto